La crisi continua: aumentano i comaschi licenziati

La crisi non si ferma. Lo dimostrano i dati dei lavoratori comaschi licenziati, in aumento rispetto all'anno scorso. La Commissione Regionale per le Politiche Attive del Lavoro nella riunione del 25 giugno ha approvato le liste di mobilità...

La crisi non si ferma. Lo dimostrano i dati dei lavoratori comaschi licenziati, in aumento rispetto all'anno scorso. La Commissione Regionale per le Politiche Attive del Lavoro nella riunione del 25 giugno ha approvato le liste di mobilità relative al mese di giugno 2010. «Per la Provincia di Como – dichiara Franco Santambrogio, della segreteria della Cgil di Como - sono stati messi in lista di mobilità ex Legge 223/ 91* 120 lavoratori, mentre sono stati 92 i lavoratori messi in lista ex legge 236/93 e 8 lavoratori frontalieri messi in lista ex legge147/97. Nei primi 6 mesi del 2010 sono stati quindi messi in mobilità complessivamente 1856 lavoratori della provincia di Como: 114 in più che nello stesso periodo del 2009 ( +6,6%). In particolare sono aumentati di 181 unità i lavoratori nella lista 223 (+28,7%). Nella lista 236, diminuiscono di 70 unità i lavoratori (-6,5%) licenziati nelle “piccole aziende”, mentre sono aumentati i frontalieri: 13, ovvero il 48,1% in più, rispetto ai primi sei mesi del 2009. Siamo in una situazione negativa, certo non imprevista: anche le grandi aziende stanno licenziando; hanno finito, come temevano, gli ammortizzatori a disposizione. La crisi sta colpendo poi in maniera crescente i frontalieri: questo è un dato che ci preoccupa fortemente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Stipendi in Ticino: un commesso guadagna in media 5mila franchi, un'ostetrica fino a 8mila

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento