Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infortuni sul lavoro, a Como e provincia la situazione non migliora

La Cisl di Como ha reso noti alcuni dati comaschi sugli infortuni sul lavoro. Si tratta di numeri e statistiche elaborate e ricevute dall'Asl regionale. In termini di valore assoluto a Como nel 2010 si sono verificate 2 morti sul lavoro. Si tratta...

La Cisl di Como ha reso noti alcuni dati comaschi sugli infortuni sul lavoro. Si tratta di numeri e statistiche elaborate e ricevute dall'Asl regionale. In termini di valore assoluto a Como nel 2010 si sono verificate 2 morti sul lavoro. Si tratta di Carlo Frigerio, impegnato nella sistemazione di giardini cheil 16 marzo è caduto da una scala appogiata a un albro a Tavernerio; il secondo caso è quello di Gabriele Griggio, imprenditore edile, caduto da un'altezza di 10 metri a seguito del cedimento di lastre di cemento amianto a Tradate. Di fatto Como è al penutltimo posto in Lombardia per numero di morti bianche: 15 Milano, 13 Brescia, 9 Bergamo, 4 Varese, 3 Lodi, Mantova e Pavia, 2 Como, Lecco e Sondrio, 1 Cremona.

"Ma quello che conta - ha tenuto a sottolineare Mario Piccinini, segretario territoriale della Cisl di Como con competenza in sicurezza del lavoro - sono gli indici. Infatti, bisogna conoscere la percentuale di morti sul totale degli infortuni denunciati, e anche la percentuale di infortuni sul totale degli addetti impiegati nei vari settori. Dai dati in nostro possesso capiamo che questi indici sono sostanzialmente invariati rispetto al passato". Nella video conferenza Piccinini analizza e spiega i dati.

Si parla di

Video popolari

Infortuni sul lavoro, a Como e provincia la situazione non migliora

QuiComo è in caricamento