Incidente a Pellio: morto Stefano Leoni di Seregno, il ragazzo investito da una moto

20 anni, si trovava in vacanza a Schignano

Stefano Leoni (foto dal profilo Facebook)

E' morto Stefano Leoni, il ragazzo di 20 anni di Seregno investito da uno moto nella notte di martedì 7 agosto 2018 a Pellio. Come riporta la Provincia, Stefano si è spento nel pomeriggio all'ospedale di Legnano dove era stato portato in gravi condizioni.
Studente, Stefano, residente a Seregno, era a Schignano in vacanza: nella serata tra lunedì e martedì aveva partecipato a una sagra a Pellio che era stata interrotta all'improvviso da un temporale. Stefano, insieme ad alcuni amici, stava tornando verso il parcheggio dove avevano lasciato l'auto e proprio mentre stava attraversando la strada provinciale 13 era stato travolto da una Vespa guidata da un altro ragazzo di 23 anni. Erano subito scattati i soccorsi: le condizioni del 20enne sono subito apparse gravi, tanto che la centrale operativa del 118 aveva cercato di far alzare in volo l'elisoccorso, ma i maltempo aveva impedito il trasporto. Il giovane è stato quindi accompagnato in ambulanza a Legnano, dove era stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva. Purtroppo non è servito a nulla. Ferito anche il conducente della Vespa, ricoverato in codice giallo nell'ospedale di Gravellona.

Chi era Stefano Leoni

Stefano, ha ricostruito Monza Today, aveva 20 anni e, dopo aver frequentato il liceo, studiava scienze infermieristiche all’università “Bicocca” di Milano presso l’ospedale di Monza. Era anche donatore Avis, come i membri della sua famiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • Como: lui la picchia e la prende a cinghiate, lei si chiude in bagno e chiama i soccorsi

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento