Bambino investito a Olgiate Comasco: è grave

Il piccolo ha 5 anni. E' ricoverato al Sant'Anna

Un bambino di soli 5 anni è stato investito in via San Gerardo a Olgiate Comasco. L'incidente è avvenuto intorno alle 10.30 della mattina di domenica 3 dicembre 2017, all'altezza del civico 13 della strada. Le condizioni del piccolo sono apparse subito molto gravi ai soccorritori. Dopo le prime cure sul posto prestate dal medico del 118 intervenuto con un'automedica in codice rosso, un'ambulanza della Croce Rossa di Uggiate Trevano ha trasportato il piccolo ferito all'ospedale Sant'Anna di San Fermo della Battaglia dove si trova ricoverato in gravi condizioni. 

L'auto che ha investito il bambino è una Toyota Aygo guidata da una donna di 57 anni rimasta sotto shock dopo il brutto incidente. Anche lei, a seguito proprio dello shock, è stata portata al pronto soccorso del Sant'Anna.

Non è chiara la dinamica dell'investimento. Si sa solo che il bimbo era in compagnia dei genitori mentre camminava lungo la strada nel centro abitato di Olgiate Comasco. Potrebbe darsi che sia sfuggito per un attimo ai genitori finendo per pochi drammatici istanti sulla carreggiata proprio mentre sopraggiungeva la Toyota. Sulle eventuali responsabilità stanno indagando i carabinieri della compagnia di Como che sono giunti sul posto per i rilievi del caso. 

Il bambino è stato operato d'urgenza. Dalla sala operatoria è stato portato nel reparto di rianimazione dove nel pomeriggio si trovava ancora ricoverato in prognosi riservata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz nella notte a Camerlata, il simbolo della Pace al posto di quello della Lega Lombarda

  • Como, dramma in via Leoni: trovata una donna morta

  • Auto incendiata a Como in piazza San Rocco: le immagini

  • Monet, Cézanne, Renoir, Gauguin e Van Gogh: a Lugano arrivano i capolavori della collezione Emil Bührl

  • Cantù, partorisce in casa assistita dal marito: il miracolo del piccolo Riccardo

  • Como, donna morta in auto sotto casa del compagno: forse l'abuso di alcol la causa

Torna su
QuiComo è in caricamento