Auto incastrata nel viottolo pedonale a gradini. Turista milanese: "Colpa del navigatore"

E' accaduto a Carate Urio: 5 ore per rimuoverla

Auto incastrata a Carate Urio

Un auto incastrata nel viottolo pedonale fatto a scale. Sembra incredibile, eppure è la curiosa vicenda che ha visto protagonista un turista milanese quarantenne che ieri, 6 novembre 2017, è rimasto, per così dire, fregato dal navigatore. Si trovava a Carate Urio nella tarda mattinata quando stava percorrendo via De Cristoforis. Si tratta di una strada che porta fuori dal centro abitato e che da percorribile in auto si trasforma in via pedonale. 

L'automobilista, a bordo della sua Volvo acquistata solo cinque mesi prima, ha raccontato di non essersi accorto che la strada era diventata pedonale e che stava semplicemente seguendo le indicazioni del navigatore gps. Non si capisce perché non abbia cercato di tornare indietro quando ha visto la strada diventare a gradini e restringersi sempre di più. Ha proseguito per circa 100 metri e alla fine si è trovato incastrato nella sua stessa auto, pressata dai muri laterali della strada senza più possibilità di proseguire o fare retromarcia.

Non gli è rimasto altro che allertare i vigili del fuoco. Tuttavia, essendo la strada pedonale sono stati allertati i carabinieri che giunti sul posto hanno confermato la necessità di fare intervenire i pompieri. Sono state necessarie ben 5 ore di faticoso lavoro dei vigili del fuoco per disincastrare la vettura.

Questo episodio ricorda in parte quello accaduto il 23 febbraio 2017.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, continuano a salire i contagi: in Lombardia sono 212

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento