Inchiesta su consulenze e incarichi, richiesta di archiviazione per Gaffuri e Rinaldin

I pm milanesi che indagano su presunti contratti fittizi stipulati tra politici regionali e collaboratori hanno chiesto oggi l'archiviazione per l'ex consigliere di Forza Italia Gianluca Rinaldin e per l'ex capogruppo e attuale consigliere del Pd...

Luca Gaffuri (PD)

I pm milanesi che indagano su presunti contratti fittizi stipulati tra politici regionali e collaboratori hanno chiesto oggi l'archiviazione per l'ex consigliere di Forza Italia Gianluca Rinaldin e per l'ex capogruppo e attuale consigliere del Pd, Luca Gaffuri. Nello stesso tempo è stato invece chiesto il rinvio a giudizio di tre ex assessori regionali e di tre consiglieri ed ex consiglieri regionali accusati a vario titolo di falso e truffa ai danni dello Stato. Al centro dell'inchiesta una ventina di contratti con tredici collaboratori, costati alla Regione circa 260mila euro tra il 2008 e il 2012 e che, secondo l'accusa, sarebbero stati affidati anche a parenti degli imputati con l'obiettivo di "soddisfare scopi diversi ed estranei" rispetto alle attività istituzionali.

L'indagine è un troncone dell'inchiesta con al centro le presunte "spese allegre" per un totale di quasi tre milioni di euro fatte da consiglieri ed ex consiglieri regionali tra il 2008 e il 2012 rimborsate con i fondi destinati ai gruppi politici al Pirellone.

Soddisfatto per l'esito che pare ormani profilarsi per la sua posizione è Luca Gaffuri: "Ho sempre avuto fiducia nell'operato della magistratura e penso che questa richiesta di archiviazione dimostri che i chiarimenti forniti sulla persona prescelta per l'incarico erano esaustivi, fondati e capaci di sgomberare ogni dubbio sulle effettive qualità e capacità professionali della persona prescelta". La consulenza in questione venne retribuita con 35mila euro per la realizzazione di uno studio sull'immigrazione in provincia di Como.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Katia Ricciarelli: "Il mio compleanno in solitudine sul lago di Como"

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Le 'gonne ruffiane' made in Como conquistano New York

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

Torna su
QuiComo è in caricamento