Incendio a Sorico, boschi in fiamme: uomo ustionato

Grosso rogo vicino a un agriturismo: soccorse anche alcune persone per il denso fumo

Incendio a Sorico (foto Sondrio Today)

Un grosso incendio è scoppiato a Sorico nel pomeriggio di domenica 30 dicembre 2018: le fiamme, alimentate dal forte vento che sta spazzando la provincia con raffiche fino a 100 km/h, hanno avvolto i boschi sulle montagne tra l'abitato di Bugiallo e quello di Albonico. 
Una nuvola di fumo molto densa e ben visibile anche a distanza, fino a tutta la Bassa Valchiavenna e anche dalla Bassa Valtellina, come riporta Sondrio Today.


Vigili del fuoco di Como e Sondrio, insieme alla protezione civile, impegnati per domare il rogo e per soccorrere le persone in difficoltà. Richiesto l'intervento del personale medico intervenuto con due automediche e due ambulanze: ferito un uomo di 43 anni, ustionato agli arti nel tentativo di spegnere l'incendio e portato in ospedale in codice giallo. Il rogo nella zona dell'agriturismo Giacomino, in un'area particolarmente difficile da raggiungere anche per i pompieri ed estesa. Soccorse anche alcune persone presenti nell'agriturismo per il denso fumo. Allertati anche i carabinieri di Menaggio e la Questura di Como.

Giornata di super lavoro, quella di domenica, per i pompieri, impegnati su diversi fronti per i danni causati dal vento e per alcuni focolai di incendio come quello scoppiato a Cavallasca, nei boschi della Spina Verde. Resta fino alle 18 di lunedì 31 dicembre l'allerta della protezione civile regionale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, tragedia all'alba: ragazzo trovato in fin di vita sulla strada muore in ospedale

  • Il colosso Zara apre a Como for&from: commessi disabili per un negozio senza barriere

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Le 10 migliori pizzerie di Como (e dintorni)

  • Criminale sfortunato, va a processo per evasione ma due vigili lo riconsocono anche per un altro reato

  • Comasco arrestato a Erba: il suo appartamento a Madonna di Campiglio era un centro di spaccio per turisti

Torna su
QuiComo è in caricamento