Cronaca

In Municipio non sanno che la Grecia è nella UE: il piccolo disagio di una neo mamma (greca)

Niente di grave, lo premettiamo subito, ma è una di quelle notizie curiose che fanno un po' sorridere e un po' discutere. Giovedì mattina una neo mamma di nazionalità greca si è recata negli uffici dell'anagrafe del Comune di Como per richiedere...

Caso D'Alema e tangenti a Ischia: alla stessa coop l'appalto comunale da 36 milioni

Niente di grave, lo premettiamo subito, ma è una di quelle notizie curiose che fanno un po' sorridere e un po' discutere. Giovedì mattina una neo mamma di nazionalità greca si è recata negli uffici dell'anagrafe del Comune di Como per richiedere il rilascio della carta d'identità per sua figlia nata da un mese e mezzo. Insomma, una normale pratica burocratica che, in genere, viene sbrigata con facilità e in pochi minuti. La neo mamma credeva di avere tutta la documentazione necessaria. Non si aspettava la richiesta fatta dal funzionario dietro la scrivania: "Mi fornisca il passaporto e permesso di soggiorno". Ma la donna aveva con sé quei documenti. "Ho chiesto il motivo per il quale serviva il passaporto e il permesso di soggiorno - ha raccontato a QuiComo la mamma - e mi sono resa conto che l'impiegato non sapeva che la Grecia è nella Unione Europea. Gliel'ho fatto presente, ma la mia parola non è bastata. A quel punto mi hanno lasciato in attesa finché vari dipendenti dell'anagrafe hanno parlato tra di loro e verificato quanto avevo affermato. Finalmente, dopo un quarto d'ora mi hanno detto che avevo ragione. Purtroppo non bastava la fotocopia della carta d'identità del papà e la sua delega firmata, così dovremo tornare un'altra volta. Ma almeno so che non dovrò diventare matta per recuperare un improbabile permesso di soggiorno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Municipio non sanno che la Grecia è nella UE: il piccolo disagio di una neo mamma (greca)

QuiComo è in caricamento