Ilaria Maria Serpi nuovo dirigente della Divisione Anticrimine della Questura di Como

Già in passato Capo di Gabinetto negli uffici di viale Roosevelt, ora è tornata sul Lario

Ilaria Serpi in un'immagine di archivio

E' tornata a Como in veste di Dirigente della Divisione Anticrimine Ilaria Maria Serpi, Primo Dirigente della Polizia di Stato già in passato in servizio nella Questura cittadina.

Sposata e madre di due figli, si è laureata in Giurisprudenza all’Università “La Sapienza” di Roma ed è entrata a far parte della Polizia nel 1995. Al termine del corso di formazione per Commissari è stata assegnata alla Questura di Como, dove ha intrapreso il suo proprio percorso professionale tra Ufficio Volanti e Squadra Mobile per poi essere destinata nel 2000 al II Reparto Volo di Milano.

Nel 2010 ha fatto rientro a Como, assumendo dapprima l’incarico di Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e poi l’Incarico di Capo di Gabinetto che ha mantenuto fino alla data della sua promozione a Primo dirigente della Polizia di Stato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel settembre 2018, terminato il corso da Primo Dirigente presso la Scuola Superiore di Polizia a Roma, è stata trasferita alla Questura di Varese per far rientro martedì 4 giugno 2019  alla Questura di Como con l’incarico di Dirigente la Divisione Anticrimine

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Regole più severe per tutta la Lombardia: c'è anche il divieto di sport all'aperto

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Torna su
QuiComo è in caricamento