Cronaca

Il sindaco di Cantù: "Chi occupa i posti per disabili meriterebbe le gomme tagliate"

Originale - diciamo così - esternazione del sindaco di Cantù, Claudio Bizzozero. Il quale si è prodotto in una (condivisibile) condanna del fenomeno legato all'occupazione dei posti auto riservati ai disabili da parte persone senza alcuna...

bizzozero-sindaco-1

Originale - diciamo così - esternazione del sindaco di Cantù, Claudio Bizzozero. Il quale si è prodotto in una (condivisibile) condanna del fenomeno legato all'occupazione dei posti auto riservati ai disabili da parte persone senza alcuna autorizzazione, ma come di consueto lo ha fatto con toni forti. "Comprendo le giustissime lamentele di chi è costretto a superare quotidianamente barriere architettoniche poste ovunque - si è sfogato il primo cittadino su Facebook - Insieme al consigliere Aldo Stoppani stiamo davvero tentando di eliminarne quante più possiamo (risorse economiche permettendo). Ed è davvero triste verificare che vi sia chi non comprende l'impegno che ci stiamo mettendo (soprattutto il consigliere Stoppani). Ci piacerebbe avere la bacchetta magica ma non l'abbiamo e neppure abbiamo risorse economiche sufficienti".

Poi, dopo aver sottolineato che "spesso però le barriere le creano alcuni nostri concittadini normodotati che se ne fregano dei loro concittadini meno fortunati", Bizzozero è andato giù pesante: "Personalmente penso che chi parcheggia in un posto per disabili, non avendone diritto, sia una persona spregevole, che meriterebbe di provare ad avere lo stesso handicap della persona a cui ha tolto quel posto o, in alternativa, meriterebbe di ritrovarsi le gomme tagliate e la fiancata strisciata. Così la volta dopo ci pensa bene prima di comportarsi nuovamente da incivile". Che sia incivile rigare l'auto o tagliare le gomme a qualcun altro - sebbene autore di un'infrazione - è forse discutibile ma alla fine (dopo aver espresso rammarico per non poter sempre utilizzare il carro attrezzi contro gli "ignoranti invicili"), il sindaco di Cantù annuncia che da ora in avanti porterà sempre in tasce dei foglietti gialli da apporre sotto i tergicristalli delle auto che occupano senza titolo i posti per disabili recante la scritta "Vuoi il mio posto? Prendi il mio handicap". Cartellonistica ufficiale è già presente anche a Como.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco di Cantù: "Chi occupa i posti per disabili meriterebbe le gomme tagliate"

QuiComo è in caricamento