Cronaca

Il palco di Celeste. Demolisce Renzi e chiama i civatiani: "Nuovo movimento assieme a Paco-Sel"

Prima ha letteralmente demolito l'operato di Matteo Renzi davanti alla platea riunita al Politicamp. Poi ha rivolto un invito diretto ai presenti - in gran parte, ovviamente, esponenti del Pd di area civatiana o comunque dell'ala sinistra dem - a...

Prima ha letteralmente demolito l'operato di Matteo Renzi davanti alla platea riunita al Politicamp. Poi ha rivolto un invito diretto ai presenti - in gran parte, ovviamente, esponenti del Pd di area civatiana o comunque dell'ala sinistra dem - a fondare un nuovo partito assieme. E non è finita qui. Perché Celeste Grossi, una delle fondatrici di Paco (il movimento che in Comune è unito a Sel, partito di cui la stessa Grossi è dirigente, e che nella versione "fusa" esprime in giunta Bruno Magatti e in aula i consiglieri Vincenzo Sapere e Luigino Nessi), ha apertamente dichiarato che "a Como, dentro la coalizione di centrosinistra al governo della città, da tempo abbiamo costruito un gruppo trasversale che io chiamo la nostra coalizione". Non si tratta della prima rivelazione di chissà quale mistero. Ma è la prima volta che viene ufficializzata questo "centrosinistra-2" che, peraltro, viste le parole riservate da Grossi al leader assoluto del Pd, dall'esterno si fa fatica a capire come possa convivere nella stessa maggioranza politica a Palazzo Cernezzi. E questo a maggior ragione dopo l'addio proprio del padre spirituale del Politicamp - e dei suoi organizzatori: Guido Rovi, Paolo Sinigaglia e Giuliana Casartelli - Pippo Civati, da pochi giorni definitivamente uscito dal Partito Democratico.

politicamp-8mag15Celeste Grossi ha esordito così al Palazzo del Borgo, per dare un'idea: "Con la legge elettorale siamo entrati in maniera surrettizia in un regime di premierato, superando il modello di Repubblica parlamentare disegnato dalla Costituzione". Ma non solo, l'Italicum voluto da Renzi è stato definito come "costruito per dare potere a chi non ha il consenso", per determinare una "democrazia decidente" dove il popolo è ridotto a soggetto "ubbidiente", con un Parlamento a cui sarà "tolto il senso". Per essere ospite (sebbene di Paco-Sel) in un evento organzzato da 3 tesserati di Pd (sebbene civatiani), non male. E ce n'è stato ancora: "Ci sembra che nella testa di Renzi ci sia solo l'esecutivo e l'esercizio del potere attraverso il potere, mentre per noi il potere è uno strumento per costruire, cambiare, decidere in modo democratico".

"Ci opponiamo al modello autoritario dell'uomo solo al comando - è stata una delle altre "cannonate" sul segretario del Pd e premier in merito a Job Act, Italicum e riforma della scuola - Questo tipo di comando apre le porte all'arbitrio". A chiusura, una citazione di Michele Emiliano, sempre dedicata a Renzi: "Un uomo con vocazione napoleonica". politicamp-rovi-sinigaglia-casartelliInevitabile dunque la mano non tesa ma protesta in ogni suo più minuscolo muscolo verso l'area civatiana del Pd e in generale verso gli esponenti della sinistra dem, auspicandone l'esodo dal Pd: "Salutiamo con rispetto e soddisfazione l'uscita di Civati da Pd di Renzi, siamo certi che altri atti concreti seguiranno, atti più concreti di post e tweet". E infine l'appello, accorato e trasparente: "Perché dovremmo aspettare? Cosa dobbiamo aspettare per creare un nuovo soggetto politico? Noi (Paco e Sel, uniti a Como o come singolo partito altrove ndr) sappiamo di non essere sufficienti e non abbiamo tentazioni minioritarie e autoreferenziali. E'urgente e necessario un nuovo soggetto politico più grande, plurale, in grado di valorizzare tanti punti di vista ognuno dei quali racconta una storia ed evoca una prospettiva. Non bastano le coalizioni. Dobbiamo costruire un soggetto complesso tanto quanto la società in cui viviamo. Uno spazio pubblico in cui identità diverse convivano senza che nessuno rinunci alle proprie memorie culturali e politiche, con l'ambizione comune di costruire un'alternativa. E la strada unica possibile, la nostra striscia di futuro. Comunciamo assieme un nuovo cammino, la traversata del deserto si affronta in carovana".

Qualcuno, a fine intervento, immaginava già i manifesti di Bruno Magatti candidato sindaco. Fantasie, per ora. Per ora.

Nota: il video integrale dell'intervento di Celeste Grossi (e molti altri del Politicamp) è pubblicato e visibile sul sito di Ecoinformazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il palco di Celeste. Demolisce Renzi e chiama i civatiani: "Nuovo movimento assieme a Paco-Sel"

QuiComo è in caricamento