Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Il lutto e la beffa in via per Cernobbio: pioggia di cartelli contro il degrado

Nel 2008, quella zona fu teatro della terribile morte di un taxista che al volante della sua vettura sfondò il parapetto e finì nel lago. Ma oltre al lutto, 7 anni dopo, in quello stesso punto di via per Cernobbio, a pochi metri di distanza da...

Nel 2008, quella zona fu teatro della terribile morte di un taxista che al volante della sua vettura sfondò il parapetto e finì nel lago. Ma oltre al lutto, 7 anni dopo, in quello stesso punto di via per Cernobbio, a pochi metri di distanza da ville e hotel di lusso, tutto è rimasto come allora: parapetto crollato e mai ripristinato, recinzione di plastica arancione a blanda protezione, new jersey di cemento sulla frequentatissima passeggiata. E qualcuno, dopo tanto tempo, ha perso la pazienza e, un paio di giorni fa, ha letteralmente tappezzato la zona di cartelli in cui ha condensato rabbia e delusione. Tra le scritte più tenere nelle foto ricevute da un lettore, spicca questa: "Settimo anno di questa vergogna. Grazie Provincia". In realtà, al di là della legittima protesta dell'anonimo cittadino, l'obiettivo è sbagliato perché Villa Saporiti non ha competenza su quel tratto di strada, che rientra ancora nel Comune di Como. Ma comunque qualche speranza che le cose cambiano c'è. Dopo le opportune verifiche negli uffici dell'amministrazione, infatti, oggi ci è stato confermato che per il 2015 il Comune ha inserito la sistemazione di quel punto e dei molti altri in pessime condizioni tra Cernobbio e Como. I fondi ci sono, la volontà di cancellare il degrado anche. Nelle prossime settimane si saprà con maggiore precisione quando saranno avviati i lavori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il lutto e la beffa in via per Cernobbio: pioggia di cartelli contro il degrado

QuiComo è in caricamento