Cronaca

Guanzate, blitz nei boschi dello spaccio: due arresti e il sequestro di una pistola

Circa 1.250 g di marijuana nascosti tra l'immondizia

Le forze dell'ordine hanno passato al setaccio, venerdì 27 settembre 2019, tutti i sentieri dell'area boschiva di Guanzate, rinvenendo, tra l'altro, circa 1.250 g di marijuana nascosti tra teli di plastica e immondizia.

L'operazione si è svolta nell'ambito del servizio straordinario di prevenzione e contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti nelle aree boschive del Comasco. L'area di Guanzate era già stata più volte segnalata dai cittadini come zona di spaccio.

Già in mattinata, agenti della Squadra Mobile della Questura di Como e Carabinieri, in perlustrazione nell'area verde situata tra Guanzate e Cirimido, avevano tratto in arresto in flagranza di reato due persone: un 34enne italiano per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente e un 46enne marocchino per spaccio di stupefacenti in concorso e ricettazione. Quest'ultimo, inoltre, è stato trovato in possesso di una pistola beretta cal. 7/65 proveniente dal furto in un'abitazione a Traversetolo (PR) avvenuto nel 2013.
Durante le operazioni sono stati anche rinvenuti 886 g di hashish, 54 g di cocaina, 188 g di eroina, numerosi telefoni cellulari e 1.560 euro in contanti.

Le amministrazioni comunali hanno poi provveduto a rimuovere giacigli, tende e nascondigli utilizzati dai pusher come base logistica e per occultare persone, refurtiva, sostanza stupefacente e altro materiale illecito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guanzate, blitz nei boschi dello spaccio: due arresti e il sequestro di una pistola

QuiComo è in caricamento