Cronaca

Grimy e i suoi "fratelli": per studiare gli scheletri di piazza Grimoldi arriva l'antropologo

La scoperta di uno scheletro perfettamente conservato e dei resti di altri quattro celati da secoli nel sottosuolo di piazza Grimoldi non rimarrà una pura curiosità legata agli scavi di cantiere della zona. Mentre gli archeologi e la...

scheletro-grimoldi

La scoperta di uno scheletro perfettamente conservato e dei resti di altri quattro celati da secoli nel sottosuolo di piazza Grimoldi non rimarrà una pura curiosità legata agli scavi di cantiere della zona. Mentre gli archeologi e la Soprintendenza archeologia saranno al lavoro ancora fino a metà della prossima settimana, infatti, nei giorni scorsi in cantiere è arrivata anche un'antropologa del Laboratorio di Archeobiologia dei Musei Civici, la dottoressa Anny Mattucci che per l'appunnto analizzerà i quattro scheletri rinvenuti durante gli scavi. L'obiettivo delle analisi è ricostruire una sorta di carta d'identità di Grimy - come qualcuno ha simpaticamente soprannominato lo scheletro principale in omaggio alla piazza che l'ha custodito per così tanti anni - e dei suoi "fratelli".

"Tale studio permette di approfondire la conoscenza delle popolazioni del passato innanzitutto ricostruendone il profilo biologico e lo stato di salute - spiega Nicoletta Cecchini, funzionaria della Soprintendenza Archeologia che sta seguendo lo scavo - Gli antropologi, inoltre, possono ricostruire le attività fisico-motorie, le abitudini alimentari, l'andamento demografico e la qualità della vita della comunità".

Per la raccolta dei dati sono applicate tecniche diverse, sia macroscopiche classiche che istologiche e radiografiche più moderne, tutte volte alla definizione di un quadro il più possibile dettagliato in modo da poterlo integrare con i dati ottenuti dalle analisi archeobotaniche, archeozoologiche, nonché con le evidenze storico-archeologiche e documentarie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grimy e i suoi "fratelli": per studiare gli scheletri di piazza Grimoldi arriva l'antropologo

QuiComo è in caricamento