menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Frame Eurosport da Milano Today

Frame Eurosport da Milano Today

Incidente al Giro di Lombardia in via Bellinzona: cosa rischia la signora che guidava la Bmw

La risposta tecnica sul sinistro del comandante della Polizia locale Donatello Ghezzo

Unna donna, nel finale del Giro di Lombardia, è entrata indebitamente nel percorso di gara a bordo di una Bmw, tagliando la strada al tedesco Maximillian Schachmann, che ha sbattuto contro l'auto ed è caduto e si è fratturato la clavicola destra. Nonostante questo il ciclista ha continuato la gara, piazzandosi in settima posizione. 

A fronte delle numerose richieste che sono arrivate, è giunta una risposta tecnica relativa a questo incidente di sabato pomeriggio, 15 agosto, durante il Giro di Lombardia in via Bellinzona da parte del comandante della Polizia locale Donatello Ghezzo:

"Il sinistro è stato rilevato dalla Polizia locale, che la sera stessa ha provveduto a raccogliere la versione dei fatti da parte dell’interessata e a richiedere al Pronto Soccorso dell’ospedale Sant’Anna la copia del referto medico del ciclista coinvolto. Il fatto ha una rilevanza penale dato che si tratta di un incidente con feriti, ma non siamo ancora in grado di dire se l’evento sia perseguibile d’ufficio oppure a querela di parte: per avere questa risposta occorre la prognosi dell’ospedale che non è ancora arrivata.

Sulla scorta delle immagini e della versione della signora, sono stati già redatti dei verbali sanzionando l’interessata in quanto stava circolando su un tratto di strada chiusa, in violazione dell’ordinanza, e per aver effettuato la svolta a sinistra in via Rosales senza accertarsi di poterlo fare in sicurezza. Le sanzioni sono rispettivamente di 87 e di 42 euro oltre alla decurtazione di due punti di patente.

La dinamica ricostruita dalla Polizia locale: la signora usciva da uno dei tanti accessi carrai privati in un punto che non era visibile all' operatore di polizia che si trovava nella più vicina posizione di presidio. La signora ha svoltato a destra scendendo verso Cernobbio, ha percorso circa 200 metri e ha svoltato a sinistra verso via Rosales mentre da dietro sopraggiungeva il ciclista. In questo caso la patente non viene ritirata immediatamente dall’organo di polizia che interviene ma viene riportato l’accaduto alla Prefettura che valuterà l’eventuale sospensione cautelare della patente."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia in zona gialla (rafforzata) dal 26 aprile: cosa riapre

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento