Trovate a Como e in Svizzera auto "fantasma" usate per furti e rapine nel Comasco

Operazione Ghost Cars dei carabinieri

L'operazione Ghost Cars portata avanti dai carabinieri su disposizione della Procura di Milano ha toccato numerose zone del Nord Italia, arrivando anche in Svizzera e a Como dove sono state rintracciate alcune delle quasi 400 automobili utilizzate per furti, rapine e spaccio di stupefacenti.

Si tratta di un parco auto del valore di quasi 3 milioni di euro. L'inchiesta è partita da Venezia ma è arrivata fino a Germania, Spagna, Francia, Ungheria, Bulgaria, Romania e, come detto, Svizzera. 

Le vetture che facevano parte di un giro d'affari malavitoso erano utilizzate da bande di rumeni e nordafricani ed erano tutti intestati a un 28enne siciliano residente in provincia di Parma. Il prestanome, al momento unico indagato nella vicenda, riceveva un compenso di alcune centinaia di euro per ogni veicolo acquistato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Como e la Lombardia da domenica volano in zona arancione, riaprono tutti negozi

Torna su
QuiComo è in caricamento