Cronaca

Gaetano Gnudi, morto sbranato da un branco di cani randagi

Gaetano Gnudi, 74 anni, comasco di orgine (abitava a Inverigo) e ora residente a Milano in via Mac Mahon, è morto dopo avere subito l'attacco di un branco di cinque o sei cani randagi che lo hanno sbranato, in via Martirano nella periferia...

Gaetano Gnudi

Gaetano Gnudi, 74 anni, comasco di orgine (abitava a Inverigo) e ora residente a Milano in via Mac Mahon, è morto dopo avere subito l'attacco di un branco di cinque o sei cani randagi che lo hanno sbranato, in via Martirano nella periferia milanese. La tragedia è accaduta nel tardo pomeriggio di venerdì. Gnudi Gaetano stava passeggiando nel quartiere di Baggio su una strada asfaltata che si snoda in mezzo ai campi. Era andato a trovare una coppia di amici che però non erano in casa. Stava camminado in attesa di incontrarli quando gli animali lo hanno aggredito. Hanno cominciato a morderlo ovunque. Dopo lunghissimi attimi di terrore è arrivato in soccorso dell'uomo è arrivato un contandino della zona checon un bastone ha messo in fuga i cani. Gnudi è rimasto a terra ferito in gravi condizioni. I soccorsi sono giunti dopo pochi minuti ed è stato trasportato all'ospedale San Raffaele. Inizialmente sembra che potesse farcela, ma purtroppo il suo fisico ha ceduto, forse anche per il grosso spavento provato.

La mattina dopo sono iniziate le ricerche dei cani da parte delle forze dell'ordine. Polizia di Stato e Carabinieri hanno rintracciato alcuni cani randagi che potrebbero avere assalito l'uomo. Secondo le descrizioni dei testimoni si tratterebbe sicuramente di quattro meticci e un cane lupo, ma forse avrebbe preso parte all'attacco un sesto cane. Inverigo è sconvolta. Gaetano Gnudi, infatti, anche se abitava a Milano era spesso in paese ed era molto conosciuto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gaetano Gnudi, morto sbranato da un branco di cani randagi

QuiComo è in caricamento