rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca Como Centro / Via Gerolamo Borsieri

Furti, inseguimento sui tetti e una caduta nel vuoto: cosa è successo ieri pomeriggio a Como

Il resoconto della polizia riguardo ai fatti accaduti tra via Torriani e via Borsieri

Intorno alle ore 17.45 alla Questura di Como è giunta una chiamata attraverso il numero unico di emergenza 112 per una prima segnalazione di furto in abitazione: un cittadino aveva segnalato due soggetti vestiti con abiti scuri arrampicarsi sulle grondaie di uno stabile di via Aldo Moro. L’intervento immediato delle pattuglie della polizia sul posto non è però bastato e i due malviventi sono riusciti a fuggire in direzione del centro città.

Pochi minuti dopo, verso le 18.20 è giunta una seconda segnalazione da parte di un altro cittadino che, dall’applicazione dell’antifurto installata sul suo telefono cellulare, ha visto in diretta dalle telecamere poste in casa sua due persone all’interno del suo appartamento di via Torriani. Anche in questo caso la descrizione era sempre la stessa: due uomini vestiti con abiti scuri.

Le pattuglie della polizia di Stato hanno immediatamente raggiunto lo stabile di via Torriani entrando da due distinti accessi. I due malviventi si sono quindi dati alla fuga verso il tetto del condominio. Dopo un rocambolesco inseguimento per i tetti degli stabili vicini, gli agenti della Squadra Volante hanno rintracciato e fermato uno dei due malviventi, un cittadino albanese di 28 anni con precedenti penali per furto, senza fissa dimora e con due ordinanze di custodia cautelare pendenti (una emessa nel 2020 dal tribunale di Pavia e l’altra nel 2021 dal tribunale di Milano). L'albanese è stato arrestato e portato nell'auto della polizia mentre il complice è riuscito momentaneamente a far perdere le proprie tracce. Tuttavia le incessanti ricerche dei poliziotti della Squadra Volante e della Squadra Mobile hanno permesso di individuarlo nascosto su un tetto dell’adiacente stabile di via Borsieri. L’uomo, alla vista degli operatori, è nuovamente scappato in maniera precipitosa e, durante l’inseguimento sui tetti è rovinosamente caduto al suolo. Secondo il quanto affermato da un abitante del condominio il malvivente avrebbe cercato di scendere sfruttando un tubo per lo scolo dell'acqua che però si è rotto.

L'uomo è stato soccorso e trasportato con un’ambulanza all’ospedale Sant'Anna di San Fermo della Battaglia. E' anch'egli albanese, di 30 anni, con precedenti penali. A suo carico vi era un’ordinanza di custodia cautelare emessa nel 2020 dal tribunale di Pavia. L’uomo è attualmente ricoverato in prognosi riservata. 

Sui due albanesi sono stati rinvenuti utensili atti allo scasso, monili provento accertato di furto e le chiavi di un’autovettura Volkswagen Golf in seguito individuata in via Benzi al cui interno sono stati rinvenuti arnesi da scasso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti, inseguimento sui tetti e una caduta nel vuoto: cosa è successo ieri pomeriggio a Como

QuiComo è in caricamento