Cronaca Via John Fitzgerald Kennedy

Mozzate, rubava negli spogliatoi della piscina: manometteva gli armadietti elettronici

Ingegnoso metodo messo a punto da un 48enne

Spogliatoio della piscina Sporting Club 63 di Mozzate

Un uomo di 48 anni di Mozzate è stato arrestato nella mattina del 18 novembre 2017 dai carabinieri dopo essere stato scoperto a rubare nella piscina Sporting Club 63 di via Kennedy 1. L'uomo da alcune settimane aveva preso l'abitudine di introdursi nella struttura sportiva (ex piscina comunale) per manomettere con un ingegnoso metodo gli armadietti con chiusura elettronica degli spogliatoi maschili. Dal mese di ottobre per ben sette volte ha tentato i furti riuscendoci per due volte.

Apponeva dei piccoli gommini agli armadietti utilizzandoli come distanziatori in modo che quando l'ospite della piscina credeva di avere chiuso l'armadietto (di quelli dotati di relativo braccialetto elettronico) in realtà lo lasciava aperto senza accorgersene.

Arrestato a Mozzate-2

Poi, fingendosi sempre un normale frequentatore della piscina, con il cacciavite nascosto sotto l’asciugamano e facendo attenzione che nessuno lo vedesse, con un semplicissimo “tocco” apriva l’armadietto  precedentemente monomesso e ne portava via l’intero contenuto. Tutto ciò gli è stato possibile per poco. Avuta notizia dei furti, i militari dell’Arma di Mozzate hanno iniziato ad indagare mediante prolungati servizi di appostamento e di pedinamento. Fino a che, questa mattina, sono riusciti a cogliere il ladro seriale in flagranza di reato: con 450 euro di bottino, il cacciavite e i gommini bianchi recuperati in tasca, l’uomo è stato immediatamente bloccato. A.I.M. (queste le sue iniziali) è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della stazione carabinieri di Mozzate, in attesa di giudizio direttissimo che si svolgerà nella giornata di lunedì.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mozzate, rubava negli spogliatoi della piscina: manometteva gli armadietti elettronici

QuiComo è in caricamento