rotate-mobile
Cronaca

Il furgone fermo dal benzinaio ha un odore strano: l'operaio trasportava 2 chili di droga

Fermato e poi arrestato dai carabinieri: in magazzino aveva altri 30 chili

Una nomale ispezione dei carabinieri presso un distibutore di benzina. Gli uomini dell'Arma hanno fermato il 53enne, un operaio incensurato, per un controllo mentre il furgone che guidava era fermo presso l'area di servizio a Giussano in Brianza al confine con Mariano Comense. Nel vano del mezzo c'era uno scaffale in legno, utilizzato per riporre utensili da cantiere, che ha subito attirato l'attenzione dei militari di Giussano: odorava di marijuana. E mentre l'operaio cercava di trovare una spiegazione plausibile per convincere i carabinieri, la perquisione sul veicolo ha permesso di scoprire un doppio fondo ricavato sotto il pianale del cassone dove erano nascosti due involucri da due chili di marijuana insieme a tremila euro in contanti occultati sotto il sedile dell’abitacolo. A quel punto, come riportano i colleghi di MonzaToday, Il controllo dei carabinieri è proseguito a casa dell'uomo e in un magazzino a Carate Brianza dove il 53enne era stato notato fare tappa altre volte. E qui all'interno di una cassaforte sono stati trovati altri 30mila euro in contanti. Nel magazzino poi c'era una stanza nascosta ricavata dietro una finta parete dove sono stati trovati altri cinque chili di marijuana, 24 kg di hashish e materiale utile al confezionamento della droga. A fiutare la sostanza stupefacente sono stati i cani-carabinieri dell'unità cinofila. 

A vigilare sul magazzino c'era anche un impianto di videosorveglianza le cui immagini sono state sequestrate dai carabinieri insieme al capannone per cui sono scattati i sigilli, al furgone e alla droga, al denaro e ai cellulari nella disponibilità del 53enne con cui con tutta probabilità gestiva i suoi affari. Non da operaio. 

Nel corso delle operazioni i carabinieri hanno sequestrato il capannone e il relativo impianto di videosorveglianza, il furgone, il denaro contante, telefoni cellulari e altro materiale ritenuto pertinente al reato. L'uomo è stato portato nel carcere di Monza. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il furgone fermo dal benzinaio ha un odore strano: l'operaio trasportava 2 chili di droga

QuiComo è in caricamento