Esalazioni sospette: Asl di via Cadorna evacuata, strada chiusa un'ora

Vigili del fuoco e polizia hanno chiuso completamente al transito via Cadorna poco dopo le 8.30 di oggi. E' stata anche evacuata completamente la palazzina dell'Asl. Non note ancora ufficialmente le cause, anche se è ipotizzata la possibile...

 

Vigili del fuoco e polizia hanno chiuso completamente al transito via Cadorna poco dopo le 8.30 di oggi. E' stata anche evacuata completamente la palazzina dell'Asl. Non note ancora ufficialmente le cause, anche se è ipotizzata la possibile ricerca di una fuga di gas. Sul posto anche ambulanza e automedica. Al momento, la strada - a partire dall'incrocio con via Cigalini - è sbarrata dal nastro bianco e rosso e via Cadorna non si può imboccare in direzione via Milano Alta-viale Giulio Cesare. Sembra che il primo allarme sia stato lanciato dagli operatori del Sert, che hanno anche denunciato forti fastidi alla gola e alle vie respiratorie.

Aggiornamento ore 9.26 - Pochi istanti fa, un'ora circa dopo la chiusura, via Cadorna è stata riaperta al transito ed è anche stato dato il permesso ai dipendenti Asl di fare ritorno nei loro uffici, dove l'attività è ripresa. Tra le ipotesi all'origine di tutto in un primo momento si era pensato che la cause dei fastidi respiratori causati ad alcuni dipendenti fossero determinate non da una fuga di gas ma da esalazioni fuoriuscite dal macchinario per la distribuzione del metadone. Una nota ufficiale dell'Asl ha però smentito: "L’allarme verificatosi stamattina presso la sede dell’ASL di via Cadorna è completamente rientrato. L’evacuazione temporanea dell’intero edificio si è limitata al tempo strettamente necessario per le verifiche dei Vigili del Fuoco, che hanno dato esito negativo. Pertanto le attività sono riprese regolarmente in tutti gli uffici. Sulle cause dell’esalazione presso un ambulatorio del SERT sono in corso approfondimenti, ma le prime verifiche escludono inconvenienti evidenti agli impianti ed alle apparecchiature in dotazione".

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento