Cantù, la foto-trappola incastra i furbetti dell'immondizia abusiva

Multato un cittadino in via Cermenate e sanzionato deposito abusivo in via Cattaneo

Un'operazione degli agenti di polizia locale di Cantù ha consentito di individuare due aree sulle quali venivano commessi depositi di rifiuti abusivi e depositi di rifiuti speciali come elttrodomestici e divani. Le due aree si trovano rispettivamente in via Giovanni Cermenate e in via Cesare Cattaneo.

Nel primo caso l’uso combinato di varchi di lettura targhe e il posizionamento di una foto-trappola ha permesso di accertare una serie di depositi incontrollati di rifiuti solidi urbani di diversi metri cubi consistenti in pannelli in truciolato di legno. Il responsabile è stato individuato grazie alla targa del veicolo (guarda il video). Si tratta 40enne residente a Cantù, il quale smaltiva i rifiuti di provenienza domestica. All’uomo è stata comminata una sanzione amministrativa di 400 euro per violazione del regolamento di polizia urbana e gli è stato intimato il rispristino dello stato dei luoghi, cioè la rimozione del deposito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel secondo episodio è stato accertato il deposito incontrollato di rifiuti speciali (elettrodomestici, frigoriferi, divani, elementi sanitari, cucine a gas, ceste ricolme di piastrelle ed inerti, ecc.), compiuto da un’azienda nella parte posteriore della area prospicente il capannone, ben mimetizzata al passaggio di auto ed utenti.  Il titolare è stato denunciato all’autorità giudiziaria per violazione dell’art. 256, comma 2, testo unico ambientale, che prevede l’arresto da tre mesi ad un anno e l’ammenda da 2.600 a 26mila euro oltre al rispristino dello stato dei luoghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da sabato 17 ottobre arriva il Treno del Foliage

  • Autunno, tempo di castagne: ecco dove raccoglierle nei dintorni di Como

  • 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Covid, firmata la nuova ordinanza in Lombardia: locali chiusi alle 24, niente visite alle RSA

  • Chef morto sul lago di Como: l'autopsia conferma la tragica caduta accidentale

  • Suona col sax 4 ore al giorno l'Ave Maria in centro a Como: la segnalazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento