Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Foro nella vetrina di Arrighi: gesto involontario

Ormai la polizia di Como sebra abbastanza sicura che il foro notato l'alto giorno da un passante nella vetrina del negozio Arrighi di via Garbaldi, non sia stato praticato intenzionalmente. Sembra probabile che si sia trattato di un sasso...

Ormai la polizia di Como sebra abbastanza sicura che il foro notato l'alto giorno da un passante nella vetrina del negozio Arrighi di via Garbaldi, non sia stato praticato intenzionalmente. Sembra probabile che si sia trattato di un sasso scagliato involontariamente dalla ruota di un'auto. Il foro aveva comunque destato l'attenzione delle forze dell'ordine e dei passanti poiché è comparso proprio nel giorno in cui è stata diffusa la notizia dei quattro fucili (di proprietà di un uomo, cliente dell'Armeria arrighi di via Garibaldi) in casa di Giacomo Brambilla, la vittima uccisa a colpi di pistola e decapitata da Alberto Arrighi, il titolare dell'armeria. I fucili erano stati consegnati per essere revisionati. Un giallo ancora da chiarire ma che non sembra sia legato in nessun modo né all'omicidio, né, come detto, al foro nella vetrina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foro nella vetrina di Arrighi: gesto involontario

QuiComo è in caricamento