Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Terrore per una famiglia marocchina: aggrediti con percosse e insulti razziali

Como, via Pasquale Paoli: sono stati momenti di terrore quelli vissuti da una famiglia di nazionalità marocchina - padre, moglie e figlia - ieri pomeriggio intorno alle 17.30. All'altezza dell'incrocio della "Ca' morta" è scoppiata una lite per...

Como, via Pasquale Paoli: sono stati momenti di terrore quelli vissuti da una famiglia di nazionalità marocchina - padre, moglie e figlia - ieri pomeriggio intorno alle 17.30. All'altezza dell'incrocio della "Ca' morta" è scoppiata una lite per motivi di viabilità tra il padre e due giovani italiani che viaggiavano a bordo di un'altra vettura. Dapprima l'uomo marocchino è stato aggredito solo verbalmente, anche con pesanti insulti a sfondo razziale. Poi i due giovani sono passati alle mani e hanno colpito al volto l'uomo con il calcio di una pistola ad aria compressa. Nella colluttazione è rimasta ferita anche la moglie dell'uomo che aveva cercato di intervenire per aiutare il marito. Il tutto si è svolto sotto gli occhi terrorizzati della figlia che, intanto, ha trovato la lucidità per impugnare il suo videofonino e riprendere la scena. La famiglia è riuscita poi a fuggire e ad allontanarsi in auto ma è stata inseguita dai due giovani che si erano accorti di essere stati ripresi. I due aggressori sono riusciti a costringere l'uomo che guidava ad accostare e a entrare nel parcheggio del vicino supermercato LD. Lì hanno continuato l'aggressione e nel tentativo di sottrarre il telefonino della ragazza le hanno provocato alcune contusioni. L'arrivo delle volanti della polizia della questura di Como ha fatto fuggire definitivamente i due giovani aggressori. Per il padre e la madre la prognosi è di 25 giorni, per la figlia, invece, le contusioni sono state giudicate guaribili in 3 giorni. I successivi accertamenti hanno permesso agli agenti di polizia di rintracciare gli aggressori che sono stati denunciati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrore per una famiglia marocchina: aggrediti con percosse e insulti razziali

QuiComo è in caricamento