Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Falso "made in Italy", sequestrati in dogana oltre 100mila cappelli cinesi. Tir pedinato fino a Milano

La guardia di finanza di Ponte Chiasso ha sequestrato il carico di un tir alla dogana commerciale. Il camion, con targa polacca, era diretto a Milano. All'interno c'erano 109mila cappelli di diverso materiale, forme e colore, con...

La guardia di finanza di Ponte Chiasso ha sequestrato il carico di un tir alla dogana commerciale. Il camion, con targa polacca, era diretto a Milano. All'interno c'erano 109mila cappelli di diverso materiale, forme e colore, con varie raffigurazioni e scritte come "Pisa", Rimini e Italia. La merce proveniva dalla Cina attraverso Inghilterra e Ungheria. I nomi delle città italiane sui cappelli sono considerati fuorvianti e idonei a trarre in inganno i consumatori circa l'esatta origine del prodotto.

Dopo il sequestro i finanzieri del Nucleo Mobile del Gruppo di Ponte Chiasso hanno pedinato di nascosto l'autotreno che ha condotto i militari a un deposito con annesso negozio, sito nell'hinterland milanese. Le perquisizioni hanno permesso un ulteriore sequestro di 136 accessori per abbigliamento e pelletteria (quali cappelli, calzini, zaini, portafogli, cinture, ecc.). La Procura ha emesso, dunque, due decreti di perquisizione presso altrettanti luoghi riconducibili alle persone individuate grazie al pedinamento, e ieri sono stati sequestrati altri 88mila prodotti.

Complessivamente, l'attività svolta dalle Fiamme Gialle ha permesso di denunciare tre cittadini di nazionalità cinese e di sequestrare oltre 333mila accessori di abbigliamento e pelletteria che violavano la normativa sul made in Italy. Sul mercato la merce sequestrata avrebbe avuto un valore di mercato superiore a 3 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falso "made in Italy", sequestrati in dogana oltre 100mila cappelli cinesi. Tir pedinato fino a Milano

QuiComo è in caricamento