menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Faloppio, il marito è in carcere ma ottiene lo stesso il reddito di cittadinanza: denunciata

Da gennaio 2020 ad oggi ha percepito 5mila euro

La guardia di finanza di Olgiate Comasco ha scoperto una donna residente a Faloppio che aveva richiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza benché non ne avesse diritto.

Il caso

Infatti, nella presentazione della domanda per richiedere il sussidio la donna aveva omesso di dichiarare che il marito si trovava (e tuttora si trova) in carcere. Dunque, così facendo aveva dichiarato che il coniuge era a carico del nucleo famigliare. Se avesse dichiarato la verità non sarebbero sussistiti formalmente i requisiti per l'erogazione del reddito di cittadinanza che, dunque, la donna ha percepito indebitamente.
Secondo i militari delle fiamme gialle il sussidio, percepito a partire da gennaio 2020, ammonterebbe complessivamente a 5mila euro. 

I numeri del 2020

Nel solo 2020, le attività svolte dalla compagnia di Olgiate Comasco a tutela della spesa pubblica nazionale e, in particolare, in materia di Reddito di cittadinanza, si sono concluse con la denuncia penale di otto soggetti, tutti irregolari percettori di contributi per circa 28mila euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia in zona gialla (rafforzata) dal 26 aprile: cosa riapre

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento