menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"Ex assessore, uomo potente legato alla 'ndrangheta marianese": comasco arrestato nell'operazione antidroga di Lecco

"Ex assessore, uomo potente legato alla 'ndrangheta marianese": comasco arrestato nell'operazione antidroga di Lecco

"Ex assessore, uomo potente legato alla 'ndrangheta marianese": comasco arrestato nell'operazione antidroga di Lecco

https://www.youtube.com/watch?v=aLll-Ns4cec Un uomo potente, il cui nome era rispettato. Un uomo potente, cui erano attribuiti ampi poteri gestionali e decisionali nell'organizzazione criminale. Insomma, se non il numero due rivestiva quantomeno...

https://www.youtube.com/watch?v=aLll-Ns4cec

Un uomo potente, il cui nome era rispettato. Un uomo potente, cui erano attribuiti ampi poteri gestionali e decisionali nell'organizzazione criminale. Insomma, se non il numero due rivestiva quantomeno "un ruolo apicale, di vertice, ampiamente riconosciuto: era un luogotenente legato a un notissimo trafficante di droga". C'è anche un comasco, residente a Fenegrò, tra gli arresti effettuati dalla Guardia di Finanza di Lecco a conclusione dell'operazione "July 2014" che ha portato al sequestro di 94kg di cocaina. 29 anni, ex assessore di un comune in provincia di Reggio Calabria, oggi residente a Como, era legato alla 'ndrangheta del Nord e, spiegano le fiamme gialle, "in particolare alla 'locale' di Mariano Comense". L'operazione ha portato a 24 ordinanze di custodia cautelare (effettuate tra Lecco, Como, Monza Brianza, Milano, Modena e Torino): 18 in carcere , 6 ai domiciliari. Un quadro agghiacciante quello emerso dalle indagini dove, tra l'altro, bambini venivano usati come copertura per trasportare la droga e si organizzavano matrimoni per consolidare i rapporti tra diversi gruppi criminali.

Ben 150 gli uomini delle fiamme gialle che, supportati dalle unità cinofile antidroga, all'alba di oggi, hanno dato il via a perquisizioni, sequestri e all'esecuzione delle misure cautelari. L'operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Monza , "ha consentito di annientare un ben organizzato gruppo italo-albanese impegnato da anni nel traffico di stupefacenti".

Le indagini, per le quali gli investigatori hanno utilizzato tecnologia d'avanguardia, hanno permesso sia di raggiungere i vertici della piramide criminale, sia di intercettare armi, denaro e carichi di coca in arrivo da Spagna e Olanda. I 94 Kg di polvere bianca sono stati trovati in case e garage (nascosti nel doppio fondo delle auto utilizzate dai corrieri). In un caso la droga era stata infilata all'interno del telaio di una macchina. "Per estrarla - spiegano dalla Gdf - abbiamo dovuto tagliare in diversi punti lo chassis". La banda, composta in prevalenza da cittadini albanesi, "operava a stretto contatto con figure legate a potenti famiglie della 'ndragheta". Unione che veniva tenuta viva e forte, come detto, anche grazie a matrimoni tra appartenenti i diversi gruppi. Oltre alla droga, i militari hanno posto sotto sequestro sequestro armi, auto e denaro contante per oltre 200 mila euro, beni mobili, immobili e 6 attività commerciali attive nella ristorazione e riconducibili agli indagati. Le attività investigative sono state condotte anche con l'ausilio della Dcsa (Direzione Centrale Servizi Antidroga) di Roma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Le 'gonne ruffiane' made in Como conquistano New York

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Edoardo Monno, l'uomo morto nell'incidente di Cernobbio

  • social

    I negozi di dischi e gli ultimi Mohicani

  • Coronavirus

    Covid a Como, i dati del 19 gennaio: 59 nuovi casi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento