Cronaca

Evade dal Beccaria un 16enne comasco scavalcando le recinzioni

Con lui un alto giovane di 17 anni

Due ragazzi sono evasi dal carcere minorile Beccaria di Milano. Uno dei due ragazzi, nato nel Comasco, ha 16 anni ed era entrato al Beccaria l'11 giugno per scontare una pena definitiva a quasi un anno di reclusione per rapina e per un'ordinanza di custodia cautelare, sempre per rapina. L'altro, quasi 17enne marocchino, era entrato il 14 maggio anche lui per rapina, su ordine del gip dei minorenni.

È successo venerdì pomeriggio intorno alle tre e mezza. Ne dà notizia Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa, sindacato di polizia penitenziaria: "Due detenuti, sembra entrambi minorenni e di origine straniera, sono evasi verso le 15.30 dai passeggi, scavalcando varie recinzioni, e si pensa siano riusciti a raggiungere la stazione della metropolitana. Sono in corso le ricerche da parte della polizia penitenziaria e delle altre forze dell'ordine", scrive De Fazio.

Non è la prima volta che accade. Il 30 maggio, un detenuto era evaso scappando durante un trasferimento in una comunità. Il 19 maggio un altro ragazzo era evaso dalla struttura penitenziaria, ma era stato catturato nelle immediate vicinanze. L'episodio che aveva destato più scalpore era stato quello dell'evasione di ben 7 detenuti a Natale 2022, poi catturati.

"Le poche e inconsistenti misure adottate per mettere in sicurezza l’istituto penale per minorenni di Milano non hanno avuto alcun effetto tangibile", commenta De Fazio: "Ci chiediamo cos’altro debba accadere nelle prigioni, per adulti e minori, affinché il governo adotti seri provvedimenti".

Recentemente il Beccaria è salito agli onori delle cronache per i gravissimi fatti di cui sono accusati oltre 20 agenti di polizia penitenziaria, tra pestaggi e torture. Proprio in questi giorni si è saputo che sono in corso le indagini su altre 20 giovani vittime di abusi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evade dal Beccaria un 16enne comasco scavalcando le recinzioni
QuiComo è in caricamento