Cronaca Rovellasca

"Paga o ti brucio il panificio": arrestato per tentata estorsione a Rovellasca

Denunciato in stato di libertà il presunto complice

Repertorio

Tentata estorsione a Rovellasca ai danni di un panificio del paese: nei guai due uomini, uno arrestato e l'altro deferito in stato di libertà dai carabinieri.

La tentata estorsione

L'episodio nel pomeriggio di mercoledì 13 marzo 2010 quando un 27enne italiano residente a Rovellasca, M.A. le sue iniziali, si è presentato in una panetteria del paese chiedendo la somma in denaro contante di 500 euro. La minaccia: in caso di mancato pagamento, avrebbe incendiato il locale. L'uomo si è poi allontanato con H.C., 26enne rumeno, sempre residente a Rovellasca.

Le indagini

I proprietari del locale hanno subito dato l'allarme. Immediato l'intervento dei carabinieri della Stazione di Turate in collaborazione con i colleghi di Lomazzo. I due sono stati subito individuati e bloccati.
Le indagini hanno consentito di individuare i due uomini, attraverso testimonianze e ricostruzione delle vie di fuga. I carabinieri hanno anche effettuato ulteriori accertamenti verificando anche la corrispondenza nelle descrizioni fisiche nonché negli indumenti indossati dai due presunti colpevoli.

L'arresto

M.A. è stato così tratto in arresto per tentata estorsione, mentre il presunto complice denunciato in stato di libertà.
Il 27enne arrestato su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato trattenuto all’interno delle camere di sicurezza della caserma in attesa del rito direttissimo previsto per la giornata di giovedì 14 marzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Paga o ti brucio il panificio": arrestato per tentata estorsione a Rovellasca

QuiComo è in caricamento