Escursionisti di Cabiate dispersi in Valmasino: salvati all'alba

In tre hanno cercato la via del ritorno con la luce dei telefonini

Paura in Valmasino, in provincia di Sondrio, per tre escursionisti dispersi nella notte tra mercoledì 30 e giovedì 31 agosto. Protagonisti della brutta avventura sono stati un uomo di 71 anni di Cabiate e due donne, una 37enne sempre di Cabiate e una 47enne di Delebio (Sondrio).

I tre  erano andati al rifugio Gianetti dopo aver percorso il Passo Barbacan. Arrivati al rifugio Omio, hanno avvisato in serata i familiari dell'intenzione di ripartire per scendere a valle. 

In una delle comunicazioni, rese difficili dall'intermittenza del segnale telefonico, i tre escursionisti avevano anche confermato di essere nelle vicinanze del luogo in cui avevano parcheggiato.Dopo alcune ore, però, di loro nessuna traccia. Da qui, intorno alle 2.30, l'allarme lanciato dai familiari. 

Sul posto sono intervenuti gli uomini del Soccorso alpino e speleologico lombardo. Trovata l’auto, i soccorritori hanno percorso il sentiero per andare incontro ai tre dispersi e infatti, dopo una buona mezz’ora, li hanno incrociati in località Pian del Fang.
Illesi ma affaticati, stavano scendendo al buio con la sola luce dei telefonini.

I soccorritori li hanno quindi accompagnati a valle. L’intervento si è concluso alle 5 di giovedì 31 agosto 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I consigli del del Soccorso alpino

  • Sempre opportuno avere con sé una buona torcia elettrica o una lampada frontale, utili anche per eventuali segnalazioni. L’oscurità ritarda i tempi di percorrenza e al buio i sentieri di montagna possono presentare insidie evitabili di giorno.
  • Se si decide di cambiare itinerario oppure gli orari sono diversi da quanto previsto, è necessario dare informazioni precise, per evitare di allarmare chi ci sta aspettando e quindi di muovere i soccorsi.
  • Se non si è ottimi conoscitori della zona ed esperti di montagna, è meglio fermarsi a dormire in un rifugio, dove ci si può riposare e mangiare e c’è sempre la possibilità di avvisare a casa dei cambi di programma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Como la gara a chi mangia più arrosticini: il record da battere è 51

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • I 7 migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Studente positivo al covid al liceo Giovio di Como. E adesso cosa succede?

  • L'Orrido di Nesso, la cascata che fa paura e rumore quando piove

  • Incidente sulla A9 in direzione Como a causa di un cervo: lunghe code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento