Droga nelle scuole, sempre più segnalazioni dai presidi

"Il fenomeno della droga nelle scuole c'è e siamo sempre più attivati da parte dei dirigenti scolastici, ma interveniamo non per perseguire i ragazzi ma per tutelarli. Purtroppo è passato il concetto tra i giovani che lo spinello è quasi normale"...

"Il fenomeno della droga nelle scuole c'è e siamo sempre più attivati da parte dei dirigenti scolastici, ma interveniamo non per perseguire i ragazzi ma per tutelarli. Purtroppo è passato il concetto tra i giovani che lo spinello è quasi normale". Il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Como, Marco Pelliccia, in occasione della presentazione del bilancio dell'attività delle Fiamme Gialle di Como ha commentato i recenti controlli che hanno portato a rinvenire nelle scuole comasche alcune quantità di sostanze stupefacenti.

Sequestrati 200 grammi di marijuana, 10 grammi di hashish e 1 grammo di cocaina. I controlli delle Fiamme Gialle hanno inoltre portato alla segnalazione del prefetto di sette ragazzi ritenuti consumatori di droghe (tutti minorenni tranne uno) e alla denuncia per detenzione “oltre la modica quantità” di nove ragazzi, dei quali cinque minorenni.

“Si tratta di un’azione che non è mai repressiva nei confronti dei ragazzi – ha voluto sottolineare Marco Pelliccia comandante della Guardia di Finanza di Como – Il finanziere non va a caccia del ragazzino con lo spinello è il fenomeno che si cerca di colpire. Quando poi il fenomeno ha questi numeri è giusto intervenire”. Il fenomeno, quello di contrasto al consumo di droga nelle scuole, che vuole essere a tutela dei ragazzi e delle loro famiglie senza diventare in alcun modo un fenomeno repressivo. Ragazzi che nella maggior parte dei casi non si rendono conto della gravità della situazione: “ Credo che non ci sia alcuna consapevolezza da parte loro – ha aggiunto il comandante Pelliccia – Lo stesso ragazzino che si appassiona agli incontri che proponiamo alle scuole sulla lotta alla criminalità organizzata poi è lo stesso che ha la droga nascosta in tasca”.

Anche la Guardia di Finanza è impegnata con numerose iniziative nelle scuole per far capire ai ragazzi la valenza negativa dell’utilizzo e del consumo di queste sostanze stupefacenti. “Ritengo che il problema sia da affrontare in termini preventivi ed educativi piuttosto che in quelli repressivi ha concluso Pelliccia – la repressione è una piccola parte e voglio sottolineare ancora che non è mai nei confronti del ragazzo prima però deve assolutamente passare il concetto che si tratta di un fenomeno illegale”.

Si parla di

Video popolari

Droga nelle scuole, sempre più segnalazioni dai presidi

QuiComo è in caricamento