Dopo cinque mesi di aspre battaglie, via Rubini è liberata

Come annunciato ieri con questo articolo, è accaduto: questa mattina, dopo 5 mesi di battaglie vere e proprie da parte dei residenti giunte a infiammare anche il dibattito politico in città, via Rubini appare "liberata". I posti moto ai due lati...

sdr-180

Come annunciato ieri con questo articolo, è accaduto: questa mattina, dopo 5 mesi di battaglie vere e proprie da parte dei residenti giunte a infiammare anche il dibattito politico in città, via Rubini appare "liberata". I posti moto ai due lati della strada sono ancora tracciati sull'asfalto ma appaiono deserti (a parte un paio di mezzi noncuranti del divieto scattato stamane). L'eliminazione della doppia ala di mezzi è dovuta a un fatto tecnico, ossia l'asfaltatura dei marciapiedi della via nell'ambito dei cantieri che stanno interessando piazza Volta, via Grassi e via Garibaldi.

In linea teorica, il divieto di sosta per le moto dovrebbe durare 15 giorni, cioè il tempo necessario a finire i lavori sui marciapiedi. Ma pur in assenza di un provvedimento definitivo del Comune per la cancellazione degli stalli, sembra difficile che la situazione possa essere ripristinata come prima. Questo, comunque, si saprà a fine giugno. Per ora, i posti moto della discordia non ci sono più e sono stati traslati in gran parte in piazza Jasca, proprio di fronte all'autosilo privato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • Chiara Ferragni, nuovo post nostalgico sul lago di Como: "Spero di comprare lì una casa vacanze"

Torna su
QuiComo è in caricamento