menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"Servono fondi per i restauri". L'appello ai comaschi per la Basilica di San Fedele

"Servono fondi per i restauri". L'appello ai comaschi per la Basilica di San Fedele

Dopo 135 anni la Congregazione delle Suore Orsoline lascia Como

La prima indiscrezione è stata data ieri sera in consiglio comunale dall'esponente della Lega Nord, Giampiero Ajani. Oggi, la conferma: dopo 135 anni di permanenza in città le suore Orsoline lasciano Como in via definitiva. A confermarlo è la...

La prima indiscrezione è stata data ieri sera in consiglio comunale dall'esponente della Lega Nord, Giampiero Ajani. Oggi, la conferma: dopo 135 anni di permanenza in città le suore Orsoline lasciano Como in via definitiva. A confermarlo è la Madre Superiora, Elisabetta Derudi, non senza un velo di commozione.

sant'eusebio"Le suore Orsoline di San Carlo a Sant'Ambrogio, venute a Como nel lontano 1881, a fine mese lasceranno la città per nuove destinazioni - dice - Colpo duro per tutti, quasi improvviso, anche se con l'ultimo Capitolo Generale del 2011 era stato decretato che la missione a Como sarebbe continuata, non con le Suore, ma con laici, persone comunque di fiducia. Poche le vocazioni, si va alzando l'età delle Suore, le giovani tendono ad essere missionarie lontano". Queste dunque le cause principali di un addio forse annunciato ma che comunque chiude veramente una pagina di storia per la presenza della Congregazione nel capoluogo. "Abbiamo comunità in Brasile, in Amazzonia, e l'ultimissima aperta, in terra Santa, a Gerusalemme - prosegue Madre Elisabetta, che ha messo nero su bianco le parole di saluto alla comunità - Noi siamo le ultime nella lunga fila di Orsoline che a Como sono state le educatrici, le formatrici di tante giovani, le ultime di quella lunga fila che, vivendo qui, all'ombra del Campanile di Sant'Eusebio hanno espresso con servizi diversi quali la catechesi, l'oratorio, il loro amore alla Chiesa. Negli anni settanta le Suore erano tante e si sono adoperate raggiungendo le allora nuove Parrocchie di Prestino e di Sagnino. Noi rimaste abbiamo cercato di continuare la loro testimonianza e di essere presenti nell'unica nostra Parrocchia di San Fedele e di essere un segno piccolo, ma si spera luminoso in Sant'Eusebio e nella via Volta!". "Le parole alle quali ci appoggiamo in questo momento di distacco davvero faticoso per chi è a Como da oltre 44 anni, ma ugualmente sentito per chi lo è da dieci o da sette, sono quelle della nostra fondatrice, S.Angela Merici, che abbiamo festeggiato tante volte insieme nel mese di gennaio: Lei dice: l'obbedienza è una gran luce che fa accetta e feconda ogni cosa, ogni decisione vista come proveniente dalla gran mano di Dio. Non può essere altrimenti, per noi, sue figlie!" L'addio alla città delle suore, comunque, non inciderà sulle attività dell'Istituto San Carlo con sede centrale in viale Varese che naturalmente continua e continuerà le proprie attività scolastiche senza ricadute e in cui, peraltro, le suore non sono più presenti da qualche anno.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como: "Bambini silenzio, a mensa non si parla o prendete la nota"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento