Donne, bambini, ragazzi: alla stazione San Giovanni la nuova ondata di profughi

L'afflusso è costante, senza soste. Ogni treno in arrivo dalla Svizzera e diretto a Milano lascia alla Stazione San Giovanni di Como un drappello di una decina di profughi, per la stragrande maggioranza eritrei e somali. Giovani, giovanissimi...

mde-96

L'afflusso è costante, senza soste. Ogni treno in arrivo dalla Svizzera e diretto a Milano lascia alla Stazione San Giovanni di Como un drappello di una decina di profughi, per la stragrande maggioranza eritrei e somali. Giovani, giovanissimi: non sono pochi i bambini e almeno la metà sono ragazze, donne. Tutti, almeno dai frammenti di colloqui intavolati tra banchine e atrii diventati giacigli se non dimore improvvisate, arrivano qui dopo un doppio passaggio: la fuga dagli straripanti centri di accoglienza di Milano, sovraccarichi oltre I limiti, e poi il tentativo via ferrovia di entrare in Svizzera per poi disperdersi probabilmente nelle mille vie d'Europa (molti altri, comunque, tentano di varcare la frontiera anche a piedi o con mezzi di fortuna, regolarmente rimbalzati e di ritorno a piedi sulla A9 come abbiamo descritto qui).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta scesi a San Giovanni dai convogli, i profughi - almeno una cinquantina quelli presenti alle 22 di domenica, ma nel corso della giornata sicuramente sono arrivati a numeri ben più consistenti - si abbracciano, si salutano e soprattutto tendono la mano ai giovanissimi volontari vicini a don Giusto, il parroco di Rebbio, incessantemente impegnati a distribuire acqua e cibo sotto gli occhi della camionetta della polizia dall'altro lato del parcheggio antistante lo scalo (presente anche il consigliere comunale di Paco Sel, Luigino Nessi). Segno, questo, che ai piani alti di Questura e Prefettura la situazione è nota, anche se al momento non si percepisce la predisposizione di alcun piano coordinato di accoglienza dei migranti.

Colpisce, come detto, la giovanissima età dei profughi: tantissimi adolescenti, sicuramente più di un bambino non oltre i 10 anni, pochi (almeno nel momento della nostra presenza) gli uomini oltre i 20 anni. Molti, dopo le soste sulle banchine o appena fuori dalla stazione, si sono poi diretti alla spicciolata verso il parco sotto San Giovanni (per lavarsi alle fontanelle o semplicemente per dormire sotto gli alberi della zona) oppure in direzione del centro città. Nessun controllo, nessuno stop: libertà assoluta. Difficile capire che entità potrà assumere il fenomeno, apparentemente continuo e frutto dell'esplosiva situazione milanese. La sensazione, però, è che se a monte non sarà bloccata la fuga dei profughi, Como e la stazione in particolare dovrà prepararsi a un'estate di accoglienza. Con tutti i problemi del caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'autocertificazione in Lombardia: con il coprifuoco servirà per circolare dalle 23 alle 5

  • Como, non vuole indossare la mascherina e si ribella ai poliziotti: arrestato in centro storico

  • Autunno, tempo di castagne: ecco dove raccoglierle nei dintorni di Como

  • 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Sul lago di Como come in America: apre il campo delle zucche

  • Covid, firmata la nuova ordinanza in Lombardia: locali chiusi alle 24, niente visite alle RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento