menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Picchia e violenta la compagna per anni: arrestato 40enne di Rovellasca

Abusi e minacce sulla donna a causa della gelosia

L'ha picchiata, insultata, aggredita, rapinata. Ha abusato di lei sessualmente, minacciandola con un coltello. Accecato dalla gelosia, è arrivato addirittura a dare fuoco all'auto di un uomo che in realtà non c'entrava assolutamente nulla con quella storia d'amore che per lui era ormai diventato un amore tossico, malato. Per un anno e mezzo ha fatto vivere un incubo, un inferno, a quella donna che lui diceva d'amare. Quella stessa donna che alla fine, per fortuna, ha trovato il coraggio di chiedere aiuto alle forze dell'ordine, che l'hanno liberata dal suo aguzzino.  

In manette è finito un uomo di 40 anni - un italiano nato a Saronno e residente a Rovellasca -, portato in carcere dai carabinieri in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare firmata dal tribunale di Milano con le accuse di incendio doloso, maltrattamenti in famiglia, atti persecutori, lesioni personali, violenza sessuale e rapina nei confronti della sua compagna, una 49enne italiana.

La denuncia dopo anni di violenze

Il lavoro di investigatori e inquirenti è iniziato a gennaio scorso, quando la donna si è presentata alla stazione di Senago e ha confessato quello che era costretta a sopportare dall'estate del 2018, quando aveva iniziato una relazione con l'uomo. 

Così, dopo aver finalmente trovato il coraggio, ha raccontato delle botte, delle violenze, delle pressanti richieste di soldi, degli abusi sessuali e della sua vita ormai totalmente cambiata.

L'incendio per gelosia

I militari hanno iniziato a raccogliere prove e indizi e proprio durante le indagini - la sera del 25 gennaio - uno strano incendio ha attirato la loro attenzione. Quella notte, infatti, a Senago erano andate a fuoco una Jeep Renegade - completamente distrutta - e una Fiat 500, che era parcheggiata accanto e che era rimasta pesantemente danneggiata. 

Dai sistemi di video sorveglianza, i carabinieri hanno verificato che dietro quelle fiamme c'era proprio il 40enne, che - stando all'inchiesta - aveva bruciato la Renegade dopo averla scambiata per la vettura di un presunto amante della sua compagna. 

Raccolte tutte le prove, gli investigatori hanno chiesto e ottenuto l'ordinanza di custodia cautelare e martedì sera sono andati ad arrestare l'uomo. A casa sua i militari hanno trovato anche un coltello pattada, che verosimilmente aveva usato più volte per minacciare la compagna. Il 40enne ora si trova nel carcere di Monza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como e la Lombardia in zona arancione da lunedì 1 marzo

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Zona arancione fino a domenica 7 marzo

  • Attualità

    La conversione ecologica dell'aperitivo sul Lago di Como

  • Coronavirus

    La Svizzera riapre (quasi) tutto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento