Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca

Donna svizzera non vuole pagare la multa: litiga con sei vigili e chiama un avvocato. Poi si arrende

Parapiglia in centro storico. Tanti passanti si sono soffermati in via Carducci a Como attirati da un gran numero di vigili e da una signora molto contrariata con loro. Tre auto di servizio della polizia locale più una in borghese sono...

Parapiglia in centro storico. Tanti passanti si sono soffermati in via Carducci a Como attirati da un gran numero di vigili e da una signora molto contrariata con loro. Tre auto di servizio della polizia locale più una in borghese sono intervenute intorno a mezzogiorno per risolvere una situazione che ha movimentato non poco la via. La donna aveva parcheggiato l'auto in via Carduccii esibendo un permesso Ztl scaduto a maggio ed è entrata nel suo negozio che si trova nelle vicinanze per lavorare. Una pattuglia dei vigili ha notato la vettura e il permesso scaduto. La Polizia Locale, del resto, stava controllando proprio quella zona, perché nei giorni di mercato molte macchine posteggiano in divieto di sosta. I vigili hanno chiesto informazioni ad altri commercianti dei paraggi per capire di chi fosse l'auto. Infatti, la normativa prevede che un automobilista straniero (e quindi anche svizzero-ticinese) sia obbligato a pagare in seduta stante la multa. Una volta individuata la signora proprietaria dell'auto gli agenti, dopo avere compilato il verbale, le hanno intimato di pagare la multa. In caso contrario avrebbero potuto far rimuovere e sequestrare la vettura. La donna si è rivolta agli agenti con toni piuttosto accesi, affermando di volersene andare senza pagare. Dopo aver chiamato anche il suo avvocato, però, ha deciso di porre fine alla sceneggiata e ha pagato la contravvenzione di di 85,40 euro. Ovviamente ha dovuto rimuovere l'auto e portarla fuori dalla città murata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna svizzera non vuole pagare la multa: litiga con sei vigili e chiama un avvocato. Poi si arrende

QuiComo è in caricamento