rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Donna salvata dal lago, il racconto dei bambini eroi

Il salvataggio della donna di 47 anni, caduta nel lago di Como davanti alla diga foranea, è stato possibile grazie a loro, i ragazzini della Canottieri Lario. "Ci stavamo allenando con un po' di corsa - hanno raccontato - quando abbiamo visto...

Il salvataggio della donna di 47 anni, caduta nel lago di Como davanti alla diga foranea, è stato possibile grazie a loro, i ragazzini della Canottieri Lario. "Ci stavamo allenando con un po' di corsa - hanno raccontato - quando abbiamo visto qualcosa che galleggiava. Ci sembrava un corpo così siamo corsi a chiamare aiuto". Trafelati sono arrivati alla Canottieri Lario, in viale Puecher, e hanno raccontato cosa avevano visto. Sulle prime gli adulti presenti hanno pensato che potessero essersi sbagliati, anche perché l'ora era tarda e la visibilità scarsa a causa del buio. Ma per essere sicuri un gruppo di dirigenti e dipendenti della Canottieri è corso sul pontile per vedere con i propri occhi. Effettivamente quello in mezzo al lago poteva sembrare un corpo.

"Abbiamo allertato il 112 - racconta Andrea Tenca, il dipendente della Canottieri che si è buttato appena prima di un vigile del fuoco - anche se non eravamo sicurissimi. Poteva sembrare un manichino che galleggiava. Poi ad un tratto abbiamo sentito chiamare aiuto e abbiamo capito che si trattava di una donna e che era ancora viva. Abbiamo di nuovo chiamato i soccorsi per dire di sbrigarsi perché la persona in acqua era viva". Nel frattempo Tenca si è preparato a buttarsi in acqua e per rassicurare i carabinieri giunti sul posto ha spiegato di essere in possesso del brevetto di assistenza bagnante.

"Abbiamo gridato in direzione di un battello che stava uscendo dal pontile - ha spiegato Tenca - e dalla barca ci hanno gettato un salvagente". Intanto sono sopraggiunti anche i vigili del fuoco di Como. Il primo a buttarsi in acqua è stato Tenca seguito da un vigile del fuoco attrezzato. Grazie al coraggio di Tenca e alla professionalità dei pompieri specializzati nel recupero in acqua il salvataggio è stato veloce e la donna è stata tratta sulla terra ferma senza difficoltà e, cosa ancora più importante, ancora viva, anche se in stato di ipotermia. "La donna è stata fortunata - ha concluso Tenca - perché galleggiava grazie al piumino che indossava. E un grazie va anche ai nostri ragazzi della Canottieri che hanno lanciato l'allarme".

Si parla di

Video popolari

Donna salvata dal lago, il racconto dei bambini eroi

QuiComo è in caricamento