menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
donna-clochard-cimitero-mag16

donna-clochard-cimitero-mag16

Donna clochard vive al cimitero: si ciba di piante e dorme all'aperto

E' un articolo delicato da scrivere, questo. E' un articolo difficile, perché parla di una persona che chi scrive non conosce affatto, se non per averla osservata qualche ora e avere raccolto il racconto di alcune persone che frequentano il...

E' un articolo delicato da scrivere, questo. E' un articolo difficile, perché parla di una persona che chi scrive non conosce affatto, se non per averla osservata qualche ora e avere raccolto il racconto di alcune persone che frequentano il cimitero monumentale di Como. Questa persona è una donna. Non saprei nemmeno dire quanti anni abbia. La dura vita che conduce potrebbe averle solcato il viso con qualche ruga in più di quelle che meriterebbe. Non ne conosco il nome, né la storia. Insomma, so davvero poco di lei e, a dire il vero, non sono riuscito a sapere molto sul suo conto perché è incredibilmente diffidente con chiunque. Nessuno sa esattamente da dove venga e perché si trovi a Como. Quello che si capisce chiaramente, però, è che ha bisogno di aiuto. Di quale genere di aiuto è difficile a dirsi, ma una donna che vive con tutti i suoi bagagli sotto il piccolo portico all'ingresso di un cimitero forse ha bisogno che qualcuno le tenda una mano. Sembra molto orgogliosa e non chiede favori a nessuno. Quando il cimitero apre lei ne approffitta per usare i bagni all'interno anche per lavarsi.donna-clochard-cimitero-mag16-1 Poi torna fuori e si sofferma tra i gradini e i due portici che si trovano ai lati dell'ingresso. Sotto uno di essi c'è tutta la sua "roba". Bagagli ben legati che custodisce gelosamente e che perde di vista solo durante quei pochi minuti in cui va al bagno. Dorme di giorno per stare sveglia di notte, per paura evidentemente che qualcuno possa farle del male e rubarle i bagagli. Mangia quello che trova. Qualche compassionevole le porta a volte un panino o del cibo in scatola. Spesso è stata vista racogliere erbe e piante per cibarsi. Qualcuno le ha chiesto come faccia a sapere che non si tratti di piante velenose. "Le ho mangiate e sto bene", ha risposto. Quanto alla sua vita lei non ne vuole parlare e se qualcuno si propone esplicitamente di aiutarla lei risponde: "Chi ha detto di volermi aiutare mi ha sempre fatto del male".

Una volta sola ha parlato dei suoi figli. O meglio, ha detto solo di avere dei figli e non ha agiunto altro.

Da settimane vive all'ingresso del Cimitero Monumentale di Como in via Regina Vecchia. C'è chi dice che in Comune qualcuno sia già al corrente della sua situazione ma per ora nessuno ha voluto o potuto aiutare realmente questa donna. L'auspicio è che con questo articolo chi di dovere (forse i Servizi sociali del Comune) o chi "di volere" (associazioni di volontariato) cerchino di capire se questa donna possa (o addirittura debba) essere aiutata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

social

Lago di Como, cinque trattorie all'aperto con vista mozzafiato

social

I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento