Cronaca

Dal Sultanato del Brunei al Ticino, poi in Italia: fermata in dogana con 173mila euro

Ha cercato di oltrepassare la frontiera Como-Brogeda alla guida di una Mercedes S350 insieme ad altri connazionali seduti a bordo., ma le è andata male: gli uomini della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, in collaborazione con i funzionari...

Dal Sultanato del Brunei al Ticino, poi in Italia: fermata in dogana con 173mila euro

Ha cercato di oltrepassare la frontiera Como-Brogeda alla guida di una Mercedes S350 insieme ad altri connazionali seduti a bordo., ma le è andata male: gli uomini della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, in collaborazione con i funzionari doganali, hanno fermato il veicolo per un controllo. Alla guida c'era una donna di 60 anni, cittadina del Sultanato del Brunei. Ha dichiarato di non avere con sé ingenti somme di denaro contante. La perquisizione della macchina, però, ha dimostrato il contrario: nella borsa della donna sono state trovate 3 buste contenenti 50mila euro ciascuna in banconote da 500 euro ed ulteriori 23.240 euro in banconote di vario taglio, per complessivi 173.240 euro non dichiarati. La donna, dunque, si era recata in Svizzera, nel Canton Ticino, e da lì aveva cercato di entrare in Italia. Ora il suo prezioso bagaglio in denaro è stato alleggerito: del denaro trasportato illecitamente (ovvero quello eccedente i 9.999 euro) è stato sequestrato immediatamente il 50%, per un importo di 81.650 euro, in attesa che il Ministero dell'Economia e delle Finanze definisca la sanzione da applicare, oggi variabile dal 30 al 50% della somma trasportata illecitamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Sultanato del Brunei al Ticino, poi in Italia: fermata in dogana con 173mila euro

QuiComo è in caricamento