menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"Como, malato grave senza medico". La politica debole in 4 prospettive

"Como, malato grave senza medico". La politica debole in 4 prospettive

Dai socialisti storici il primo documento politico per il 2017: "Casa comune per la sinistra"

Giuseppe Doria (a sinistra) e Sergio Simone (a destra) durante un evento al "Willy Brandt" con ospite esterno l'architetto Attilio Terragni Che il "socialistissimo" Giuseppe Doria - tra le molte cose anche ex segretario Uil - si impegnasse...

doria-simone Giuseppe Doria (a sinistra) e Sergio Simone (a destra) durante un evento al "Willy Brandt" con ospite esterno l'architetto Attilio Terragni

doria-11dic15Che il "socialistissimo" Giuseppe Doria - tra le molte cose anche ex segretario Uil - si impegnasse così a fondo nel rilancio del Circolo Willy Brandt soltanto per accademica nostalgia del Garofano, era del tutto inverosimile. E infatti, al termine di una lunga marcia fatta di convegni, incontri, dibattiti e cene più o meno allargate alla base storica del socialismo comasco, ecco che proprio dalla sede di via Aristide Bari plana nel dibattito politico della città un lungo e articolato documento che, sin dalle prime righe, si autodichiara senza infingimenti: "Ci proponiamo di costruire una casa comune Socialista, per aprirsi a nuove esperienze politiche". Insomma, quasi simbolicamente proprio nell'anno in cui il vecchio leone socialista è scomparso - il compianto Vincenzo Sapere - i socialisti sono tornati. E sono quelli "originali", ovviamente tra i firmatari del documento: oltre a Doria, Sergio Simone, Gianstefano Buzzi, Angelo Soccio, Enzo Barni, Edoardo Riva, Walter Trentin, Mario Nocito, Walter Nenci. Nomi che - qui bisogna essere onesti - alle più giovani generazioni del centrosinistra potrebbero risultare lontani, non immediati. Ma che, in città e non soltanto, hanno costruito molta storia.

sergio-simoneMa quali sono gli obiettivi di questo ritorno sulla scena pubblica in grande stile? Qualche stralcio delle 3 pagine politico-programmatiche (che già paiono nettamente puntare alle elezioni 2017, se con lista propria o con altre confluenze, Pd in primis, è ancora tutto da vedere) aiuta. Si legge, infatti, che l'area riformista punta a "rimuovere lo stato di autorassegnazione dell'area liberal-socialista che sta portando ad una graduale estinzione politica gli eredi del socialismo in Italia", a "far risorgere una più grande casa comune di tutta la sinistra", ovvero un soggetto politico unitario di centro sinistra nel quale possano ritrovarsi le culture riformiste del Paese" e infine che "occorre ritrovare quello slancio riformista e quella spinta propulsiva di cui il PD e PSI locali risultano deficitari".

ticosa-22apr15Il tutto con ampi - sebbene piuttosto "ariosi" - riferimenti ai grandi temi concreti del capoluogo, tra cui Ticosa, Ztl e Trevitex per esempio ("Dobbiamo ripensare gli elementi forti delle scelte cittadine, quindi affrontare in chiave laica i problemi contingenti di Ticosa e paratie ridefinendoli in una visione urbanistica della città che non può essere solo basata su interventi, sia pur apprezzabili, quali l'allargamento della ZTL o la soluzione Trevitex").

Insomma, l'area socialista-riformista bussa alle porte del presente e del futuro dei prossimi 18 mesi. Chi le aprirà la porta? Cliccando qui potete leggere in forma integrale il documento intitolato "Como riformista".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

social

Lago di Como, Casa Brenna Tosatto: l'arte della bellezza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento