Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Csu diventa tutta del Comune: un "super-ufficio" per parcheggi, sport e porti

Como Servizi Urbani diventa un superufficio comunale della sosta. Il consiglio comunale, infatti, ha approvato ieri sera (con 22 voti favorevoli e 6 contrari) la proposta di delibera per la trasformazione di Csu in una "società in house"...

Como Servizi Urbani: improvvise dimissioni di Maria Antonietta Marciano, legale del Comune

Como Servizi Urbani diventa un superufficio comunale della sosta. Il consiglio comunale, infatti, ha approvato ieri sera (con 22 voti favorevoli e 6 contrari) la proposta di delibera per la trasformazione di Csu in una "società in house" (tecnicamente ancora peggio: "in house providing", fornitrice di servizi "fatta in casa"), la modifica dello statuto societario e l'approvazione del nuovo accordo quadro per la gestione dei servizi pubblici.

savina-marelli-25giu15 "Csu diventerà una società a totale partecipazione pubblica e continuerà a prestare i propri servizi - spiega l'assessore alle Partecipate Savina Marelli - Opererà come braccio operativo del Comune e sarà quindi sottoposta a controlli analoghi a quelli esercitati sui propri uffici". Il consiglio comunale, con la medesima delibera, ha preso atto che per essere a totale partecipazione pubblica, requisito per la sua caratterizzazione quale società in house, Csu dovrà acquisire le proprie azioni da Spt Holding che oggi detiene il 12,85% delle quote; che tale operazione non comporterà oneri a carico del bilancio del Comune; che Csu sarà trasformata da società per azioni (Spa) a società a responsabilità limitata (Srl). Nuovi saranno lo statuto e l'Accordo quadro per la disciplina dei rapporti giuridico-economici tra il Comune e Csu per la gestione dei servizi pubblici locali di autosili, aree attrezzate per la sosta, porti, centri sportivi, lampade votive. Tale Accordo prevede l'affidamento in forma diretta di questi servizi e definisce i principi e le regole di carattere generale cui si atterrà la società; a tale Accordo dovranno uniformarsi i disciplinari tecnico-economici di esecuzione che saranno ora preparati dai dirigenti competenti e che dovranno poi essere approvati dalla giunta. Per quanto riguarda il personale, infine, i dipendenti continueranno a lavorare, assunti da Csu. "Siamo convinti che la strada intrapresa rappresenti la soluzione che produce il maggior valore per il Comune di Como - conclude Marelli - Da parte sua Csu sarà chiamata a gestire dei servizi pubblici in modo sempre più efficiente ed innovativo".

posti-blu-bandoTornando al core business della Como Servizi Urbani, va infine segnalato che sono in distribuzione da questi giorni le nuove tessere ricaricabili da utilizzare nei parcometri appena installati. Sono 91, su un totale di 160, gli apparecchi che Csu, la partecipata del Comune che gestisce i parcheggi, ha sostituito in questi mesi. Le vecchie tessere si potranno continuare ad usare nelle aree regolamentate dai vecchi parcometri, oppure potranno essere riconsegnate a Csu (la sede è in via Giulini 15) che provvederà a sostituirle. Per l'acquisto e la posa dei nuovi apparecchi, dove si potrà pagare anche con le carte di credito, la società ha investito 240mila euro. Per ogni informazione sulle nuove tessere è possibile rivolgersi direttamente agli uffici di Csu al numero 031/26.22.56 o visitare il sito www.csuspa.it Le tessere si potranno poi ricaricare direttamente ai parcometri. Continuerà ad essere garantito l'acquisto dei biglietti per le corse urbane dei bus.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Csu diventa tutta del Comune: un "super-ufficio" per parcheggi, sport e porti

QuiComo è in caricamento