Arrestata la banda di Corinaldo: dopo la strage hanno agito anche nelle discoteche di Como

Strappavano le collanine alle ragazze: colpi al Made Club e al K-Klass

STrage di Corinaldo (Foto AnconaToday)

Non si sono mai fermati, nemmeno dopo che la loro modalità di rubare (spruzzavano spray al peperoncino nelle discoteche) ha causato la tristemente nota strage di Corinaldo. In manette sono finiti sette giovani modenesi appartenenti a una banda che si spostava per l'Italia con lo scopo di effettuare furti, generalmente con strappo, ai danni dei clienti delle discoteche.

I colpi nel Comasco

Nella notte tra il 4 e il 5 maggio si erano resi responsabili di cinque furti in due diverse discoteche del Comasco. Hanno colpito prima al Made Club di Como poi al K-Klass di Tavernerio. In quell'occasione, però, erano stati fermati dopo che avevano buttato dal finestrino le collanine che avevano letteralmente strappato dal collo di alcune ragazze. Allora, però, non c'erano elementi sufficienti per ritenere il gruppo responsabile della strage di Corinaldo e di tutta una seire di colpi analoghi effettuati in altre province.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo codice della strada, cosa rischiano gli automobilisti comaschi

  • Tragedia a Grandate: un ragazzo di 18 anni si toglie la vita buttandosi dalla torretta dell'acquedotto

  • I magnifici 7: ecco i migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Le 5 migliori osterie per una pausa pranzo a Como

  • Malore per una bambina appena nata: paura in centro Como

  • Como, studentessa aggredita e molestata alla fermata del bus: arrestato in piazza Vittoria

Torna su
QuiComo è in caricamento