rotate-mobile
Cronaca

Confiscato immobile da 400mila euro a un "taroccatore" di abiti firmati

L'uomo ha patteggiato una sentenza per contraffazione

Confiscata un'intera fabbrica alle porte della provincia comasca. Il nucleo di polizia economico-tributaria di Como ha dato esecuzione alla sentenza di patteggiamento che ha visto coinvolti da una parte il titolare di una fabbrica di Meda, dall'altra un uomo accusato di ricettazione. Le indagini sono iniziate nel 2018 quando a ridosso della barriera autostradale di Como-Grandate le forze dell'ordine avevano colto in flagranza due uomini intenti a portare a termine la compravendita di abiti firmati Louis Vuitton ma risultati falsi. Presto gli inquirenti sono arrivati ad identificare il luogo dove tali abiti contraffatti erano stati prodotti.

A seguito del processo il titolare della ditta brianzola, accusato di contraffazione aggravata, ha patteggiato con una sentenza di 2 anni e 3 mesi di reclusione (ridotta a 1 anno e 6 mesi per il rito abbreviato), mentre l'uomo accusato di ricettazione ha patteggiato 9 mesi di reclusione (ridotta a 5 mesi). La sentenza ha previsto anche la confisca della fabbrica (un immobile del valore di 400mila euro) e dei macchinari presenti all'interno e utilizzati per la contraffazione (macchine per la stampa su tessuti e macchine da cucire, il tutto per un valore di 9mila euro).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confiscato immobile da 400mila euro a un "taroccatore" di abiti firmati

QuiComo è in caricamento