menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
como-calcio-partita

como-calcio-partita

Como-Spal: 318 spettatori (9 ospiti) ma ieri il calcio ha chiuso persino la piscina

In queste ore si fa un gran discutere sull'assurdità che un'intera fetta di città, per di più una tra le più nobili - la cittadella razionalista in riva al lago - chiuda completamente per giornate intere a causa delle partite del Calcio Como (la...

In queste ore si fa un gran discutere sull'assurdità che un'intera fetta di città, per di più una tra le più nobili - la cittadella razionalista in riva al lago - chiuda completamente per giornate intere a causa delle partite del Calcio Como (la foto è d'archivio). Beninteso: la società azzurra non ha alcuna colpa, e forse sarebbe meglio dire che nessuno ha colpe specifiche (nemmeno questura e prefettura, ovviamente, che per sicurezza devono adottare la misure di legge e quindi blindare tutta l'area attorno allo stadio Sinigaglia in occasione dei match). La realtà, comunque, dice chiaramente una cosa: ieri, mercoledì 25 febbraio, ad assitere alla pur importante e fascinosa gara tra Como e Spal erano presenti 318 spettatori, dei quali 9 ospiti. Eppure, i posteggi attorno al Sinigaglia sono stati proibiti a partire dalle 11 (la partita è iniziata alle 15) e per tutto il resto della giornata. Attorno all'impianto, poi, ecco la solita serie di barriere in metallo e calcestruzzo, a disegnare un vago scenario post-bellico nella pregiatissima zona di Como. Una situazione che da sempre - anche quando i match si svolgono la domenica - è al centro di polemiche e contestazioni. Ma che, visto il caso specifico di ieri, si arricchisce di un ulteriore, inverosimile tassello.

Sempre dalle 11 di ieri, infatti, cioè in perfetta coincidenza con la "blindatura" dell'area stadio, anche la "incolpevole" Piscina Sinigaglia è stata chiusa al pubblico perché, di fatto, difficilmente raggiungibile per l'utenza. Il calcio ha cacciato il nuoto dal suo tempio, insomma. Anche perché naturalmente le vasche non hanno più riaperto fino a stamattina. E, ulteriore dettaglio, la piscina ha perso incassi, clienti e soprattutto gli iscritti ai corsi di nuoto. Sfrattati causa pallone in centro. Il tutto, tra proteste e incredulità di chi è stato (pur gentilmente) accompagnato all'uscita alle 11 e di chi, comunque, si è trovato nelle ore successive davanti all'ingresso sbarrato.

Fulminante, in proposito, l'unica battuta concessa da Mariano Montini, presidente di Como Servizi Urbani, società controllata dal Comune che gestisce per conto di Palazzo Cernezzi l'impianto: "Probabilmente abbiamo perso più gente e introiti noi di quanti ne abbia avuti la partita". Poche parole, ma affilate come una lama. Che, ancora una volta, affonda nei paradossi all'italiana. Ma fino a quando?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione da domenica 24 gennaio

social

Lago di Como, Casa Brenna Tosatto: l'arte della bellezza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento