Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Como Possibile: "Attacchi Pd intollerabili". Costituzione e Comune mine nel centrosinistra

Il Comitato contro Italicum e ddl Boschi Anche se è passato qualche giorno, non è affatto passato inosservato il durissimo attacco portato dal segretario cittadino del Pd, Stefano Fanetti (nella foto), al Comitato comasco per la democrazia...

"Possibile" a Como ha raccolto 700 firme per gli 8 referendum

In una nota ufficiale, si definisce "intollerabile l'attacco del Pd cittadino al Comitato comasco per la democrazia costituzionale".

"L'attacco alla Costituzione antifascista e all'equilibrio dei poteri che questa garantiva - prosegue il comunicato di Como Possibile - attraverso la "deforma" Costituzionale Boschi-Verdini combinata con la nuova legge elettorale del "porcellinum" porterebbero questo paese a modificare la forma di stato in maniera surrettizia attraverso un premier "uomo solo al comando" che potrebbe controllare l'unica Camera rimasta attraverso i "suoi" deputati conquistati nei 15 giorni di ballottaggio televisivo. Si finirà quindi con eleggere il governo anziché il parlamento in un'elezione parlamentare grazie ad un premio abnorme dato ad una lista che al primo turno potrebbe anche prendere meno di 1/3 dei voti: un mostro che non esiste in alcun paese al mondo". "Tutto questo - prosegue il comunicato - unito a deputati sostanzialmente nominati che dovranno rispondere ai segretari dei partiti divenendo meno indipendenti (alla faccia del divieto di mandato imperativo), al Senato del dopolavoro dei consiglieri regionali con l'immunità (la peggiore classe politica del paese), al sostanziale assoggettamento degli organi di garanzia al governo, al neocentralismo che deriva dal taglio dei poteri delle regioni e dall'assurda abolizione delle Province (dopo il disastro di questi anni di "riforma"), ci porta a ritenere inaccettabile questa distorsione istituzionale e a partecipare fortemente alla campagna per il No (peraltro proprio il segretario cittadino del Pd, Stefano Fanetti, ha invece annunciato la nascita di un Comitato per il Sì, ndr)". Celeste Grossi (Paco-Sel) Infine, Como Possibile esprime "piena solidarietà agli amici di Paco-Sel con i quali condividiamo questo doppio percorso referendario e ai quali siamo vicini in questa fase nel difficile impegno di amministrare la città di Como. Purtroppo si capisce quanto i modelli e i metodi già praticati a livello nazionale, proprio quelli che si vogliono fissare in Costituzione, siano già affermati a livello locale e non permettano una proficua conduzione della coalizione che governa la città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como Possibile: "Attacchi Pd intollerabili". Costituzione e Comune mine nel centrosinistra

QuiComo è in caricamento