Como, nel 2013 la Finanza ha scoperto mezzo miliardo di euro nascosti al fisco

66 soggetti denunciati responsabili di frodi e reati fiscali, 876 ispezioni fiscali (tra verifiche e controlli) che hanno consentito di recuperare a tassazione elementi di reddito per un ammontare complessivo di circa 400 milioni di euro...

66 soggetti denunciati responsabili di frodi e reati fiscali, 876 ispezioni fiscali (tra verifiche e controlli) che hanno consentito di recuperare a tassazione elementi di reddito per un ammontare complessivo di circa 400 milioni di euro, un’evasione dell’IVA per oltre 100 milioni di euro, e dell’Irap per circa 6,4 milioni di euro.

Sono questi i dati emersi dal bilancio 2013 delle fiamme gialle di Como presentati questa mattina in conferenza stampa dal comandante Marco Pelliccia.

Sono stati pianificati e svolti oltre 1.448 servizi di pattuglia. In forte diminuzione le chiamate pervenute alla Sala Operativa “117” del Comando Provinciale: 190 rispetto alle 475 chiamate del 2012, con un decremento del 60% di cui 88 nominative. Particolare attenzione è stata rivolta al contrasto delle “Frodi Carosello”, truffe al fisco basate su fittizie transazioni commerciali con l’estero per le quali è stata calcolata un’evasione complessiva di oltre 1,6 milioni di euro. Sul fronte dell’evasione fiscale internazionale sono stati recuperati circa 500 milioni di euro dalle fiamme gialle di Como. Sono stati scoperti 103 evasori totali per una base imponibile complessivamente occultata di circa 351,5 milioni di euro, ed un’evasione di IVA per oltre 85,6 milioni di euro. Per quanto riguarda il “lavoro sommerso”, sono stati individuati 44 lavoratori irregolari di cui 35 “in nero”, impiegati da 18 datori di lavoro. Sono stati effettuati 4.458 controlli in materia di scontrini e ricevute fiscali constatando 1.271 violazioni per la mancata emissione del documento. Parallelamente all’impegno nel contrastare l’evasione fiscale la Guardia di Finanza di Como ha intensificato gli sforzi a tutela delle uscite del bilancio pubblico. Durante i controlli in materia di finanziamenti ai fondi strutturali si è scoperto un importo complessivo di oltre 407.000 mila euro relativo all’indebita percezione di finanziamenti comunitari. Nel comparto degli aiuti economici e dei servizi sociali di assistenza 56 soggetti sono risultati aver percepito illegalmente contributi finanziari. Inoltre sono stati scoperti 37 soggetti che non avevano diritto all’esenzione del ticket sanitario. Nell’ambito dei rapporti di collaborazione con la Corte dei Conti della Lombardia sono stati eseguiti 9 interventi accertando danni erariali per oltre 1,6 milioni di euro. Riguardo ai servizi di contrasto ai traffici illeciti: 508 persone verbalizzate, di cui 38 in stato di arresto, 199 denunciate a piede libero e 271 segnalate al Prefetto; oltre 1.500 kg di sostanze stupefacenti ( tra hashish e marijuana) sequestrate, 138 gr di cocaina, 950 gr di eroina, oltre 8 kg di sostanze psicotrope, nonché 8 automezzi utilizzate per trasportare lo stupefacente. Oltre 74mila articoli contraffatti sequestrati e 18 persone denunciate all’autorità giudiziaria; 350 banconote false per un valore di 20.240 euro. Per quanto riguarda il 2014 l’azione della Guardia di Finanza avrà l’obiettivo di colpire nella loro globalità tutti i fenomeni illeciti che si connotano per la capacità di mettere a rischio contemporaneamente più interessi economici e finanziari. In particolare le Fiamme Gialle di Como avranno come obiettivo quello di contrastare le grandi frodi fiscali, l’evasione fiscale internazionale e i fenomeni di evasione fiscale di massa e infine di perseguire la lotta al riciclaggio e alla contraffazione.
Si parla di

Video popolari

Como, nel 2013 la Finanza ha scoperto mezzo miliardo di euro nascosti al fisco

QuiComo è in caricamento