Cronaca

Como Lago, furia cieca in stazione a Como: il 28enne sarà imbarcato sul primo volo per il Marocco

L’uomo, irregolare sul territorio, aveva aggredito prima una guardia giurata e poi un agente

L'episodio ieri mattina presto, alle 6.30, quando un uomo, un 28enne marocchino irregolare sul territorio, stava spaccando tutti gli interni dell'atrio della stazione Como Lago e data la sua furia a nulla era servito l'intervento della guardia giurata, che è stata a sua volta aggredita non riuscendo a fermarlo. Una volta in Questura aveva tirato una forte gomitata anche a un agente. Oltre a essere arrestato l'uomo è stato anche denunciato in stato di libertà per il danneggiamento degli interni della stazione dei treni. 

Il Pubblico Ministero, aveva disposto l’immediato giudizio con il rito del direttissimo, processo che si è svolto alle 12 di ieri e che ha visto il 28enne marocchino venir condannato dal giudice a 8 mesi di reclusione, sostituiti con la misura alternativa dell’immediata espulsione dall'Italia con accompagnamento alla frontiera.

Infatti, terminato il processo, lo straniero è stato riportato negli uffici della Questura, questa volta a trattare la sua posizione sono stati gli specialisti dell’ufficio immigrazione, una squadra di agenti particolarmente specializzati nella trattazione delle espulsioni ed esperti nell’applicare il decreto sull’immigrazione – che lo hanno affidato a una pattuglia che lo ha portato al centro per il rimpatrio friulano di Gradisca d’Isonzo in provincia di Gorizia, in attesa che per lui si liberi un posto su un volo per il Marocco.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como Lago, furia cieca in stazione a Como: il 28enne sarà imbarcato sul primo volo per il Marocco
QuiComo è in caricamento