menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ladra in azione (repertorio)

Ladra in azione (repertorio)

Ladra di appartamenti "scatenata" in un condominio a Como: arrestata

La donna rumena classe 1992, è stata colta sul fatto sull'uscio di una porta mentre tentava la fuga

La Polizia di Stato ha arrestato per furto aggravato in abitazione una cittadina rumena, P. A., classe 1992, non in regola con le norme sul soggiorno.

I fatti risalgono alla giornata di ieri 10 dicembre, quando presso la Sala Operativa della Questura sono giunte diverse segnalazioni in merito a rumori sospetti provenienti da uno stabile in via Donatori di Sangue.

I poliziotti della Squadra Volanti si sono recati immediatamente sul posto, dove effettivamente hanno colto ancora sull’uscio di un appartamento una donna che alla vista degli agenti ha anche tentato goffamente di darsi alla fuga.

Una volta bloccata, da un sommario controllo della borsa, gli agenti hanno rinvenuto molte chiavi di autovetture ed oggetti di vario tipo tra cui alcuni monili, poi riconosciuti dai legittimi proprietari del condominio, in sede di denuncia.

La donna aveva con sé anche un coltello ed arnesi verosimilmente utilizzati per scassinare serrature, debitamente sequestrati quali corpi del reato.

Da un controllo dei vari locali e appartamenti presenti nello stabile, i poliziotti hanno accertato la presenza di un’abitazione con la porta aperta e completamente a soqquadro. A piano terra, inoltre, buona parte delle cassette della posta erano state danneggiate e la corrispondenza all’interno trafugata.

Accompagnata la donna in Ufficio, da un controllo delle banche dati a disposizione, gli operatori hanno accertato che la stessa avesse a proprio carico già un arresto per resistenza a pubblico ufficiale, eseguito in provincia di Monza Brianza lo scorso Novembre.

Pertanto, sentito il P.M. di turno, la donna è stata tratta in arresto con l’accusa di furto aggravato in abitazione, ed indagata a piede libero per violazione e soppressione di corrispondenza.

Il giudizio con rito direttissimo si è tenuto in data odierna: dopo la convalida dell’arresto, alla donna sono stati concessi i termini a difesa.

Intanto, però, la donna resterà in carcere in attesa della prossima udienza, calendarizzata per il prossimo 15 dicembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Coronavirus

Como e provincia in zona arancione rinforzata

Coronavirus

Zona arancione fino a domenica 7 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento