Cronaca Via Pietro Stazzi

Como, sorpreso a rubare in discarica nel cassone dei metalli: arrestato

Si tratta di un tunisino senza fissa dimora

È avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, 4 marzo 2020. La polizia locale ha arrestato un cittadino di origini tunisine intento a impossessarsi di rifiuti presso la piattaforma ecologica comunale, in via Stazzi. L'uomo nato a Tunisi nel 1994, senza fissa dimora, è stato trovato all'interno del cassone dei metalli. Il 26enne aveva già prelevato e nascolsto in uno zaino, tre cellulari e una trentina di oggetti di acciaio e ferro. Il tunisino ha vari precedenti per reati contro il patrimonio, infatti, una volta scortato in Comando, in seguito ad accertamenti, si è evinto che su di lui pendeva una denuncia a piede libero da ottobre 2019, emessa dalla Questura di Milano. 

Gli agenti di viale Innocenzo, dopo aver consultato il Pubblico Ministero di turno, dott. Fadda, hanno arrestato il tunisino responsabile di furto aggravato.
Nella mattinata di oggi, 5 marzo 2020, si è celebrato presso il Tribunale di Como il processo con rito direttissimo all’esito del quale, il 26enne è stato condannato a una pena di cinque mesi di reclusione, con contestuale sospensione della stessa.
A seguito degli accertamenti presso l’ufficio immigrazione della Questura sono state avviate le procedure per l’espulsione del condannato dal territorio nazionale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como, sorpreso a rubare in discarica nel cassone dei metalli: arrestato

QuiComo è in caricamento