rotate-mobile
Cronaca

Controlli di notte e di giorno della polizia di Stato di Como: arrestati due uomini e denunciato un 18enne

I controlli di ieri 9 novembre

Nella notte appena trascorsa, la polizia di Stato di Como, durante il controllo del territorio, perlustrando con particolare attenzione le stazioni di bus e treni, ha arrestato due marocchini di 24 e 29 anni, irregolari e con precedenti di polizia per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. È stato anche denunciato per ricettazione, possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere e per la violazione della legge sull’immigrazione un tunisino di 18 anni senza dimora, pregiudicato e clandestino. Ripercorriamo entrambi gli episodi. 

Nella serata del 9 novembre alla stazione ferroviaria di Erba, la squadra mobile ha arrestato due cittadini del Marocco rispettivamente di 24 e 29 anni, irregolari e pregiudicati. I due stranieri sono stati trovati in possesso di 16 grammi e mezzo di cocaina e più di un etto e mezzo di hashish. Oltre alla sostanza stupefacente, sono stati sequestrati anche i loro telefoni cellulari che verosimilmente venivano utilizzati per tenere i contatti con gli acquirenti. I due uomini su disposizione del P.M. di turno, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa del processo per direttissima che si terrà questa mattina.

Il 18enne in biciletta alle 2 di notte

Verso le 2.00 di questa notte, invece, una volante della Questura durante un posto di controllo ha notato un uomo a bordo di una bicicletta proveniente dalla Statale di Giovi che, alla vista dei poliziotti, ha immediatamente invertito la marcia tentando di evitare il controllo. 

Si trattava di un 18enne tunisino senza fissa dimora, pregiudicato e clandestino: il ragazzo è stato immediatamente raggiunto e fermato. Gli è stato anche domandato della fiammante bicicletta sulla quale era in sella e lui, dopo un paio di tentativi di giustificazione andati a vuoto, ha ammesso di averla presa alla stazione dei treni di Luisago, insieme al caschetto che indossava. Durante la perquisizione personale i poliziotti hanno trovato nel suo zainetto una moltitudine di attrezzi, tra cui lunghi cacciaviti e lame di taglierino: oggetti ritenuti offensivi e considerati potenziali armi.

Inoltre, dal successivo controllo effettuato nel database delle forze dell’ordine è emerso che il18enne era stato già colpito da un provvedimento di espulsione e ordine del Questore a lasciare il territorio, che gli era stato notificato a luglio. Quindi il tunisino è stato denunciato per ricettazione, possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere e per la violazione della legge sull’immigrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli di notte e di giorno della polizia di Stato di Como: arrestati due uomini e denunciato un 18enne

QuiComo è in caricamento